Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 23 novembre 2017
Articolo di: martedì, 12 settembre 2017, 6:54 p.

«Aspettiamo 24 migranti, ma li gestiamo noi»

Pray e Coggiola: strategia comune per evitare altre aperture di strutture private

La differenza può sfuggire di primo acchito. Soprattutto se inquinata da informazioni qualunquiste. Ma, nei fatti, è sostanziale. Nei Cas, i centri di accoglienza straordinaria, i migranti - che qui vengono destinati in attesa del primo responso della commissione che deciderà sulla loro richiesta di asilo politico - vivono sotto la gestione di soggetti privati. Cooperative, associazioni, che non hanno contatti o collaborazioni con i Comuni e rispondono solo alla Prefettura, per il cui tramite stringono il loro patto con il Ministero dell’Interno. In sostanza, al paese non è data alcuna voce sulle modalità di gestione degli ospiti. Nei centri Sprar, invece, la musica è diversa. I migranti - che qui vengono destinati in genere dopo aver già ottenuto un primo via libera alla loro permanenza, e non sono quindi reduci diretti del trasferimento - sono gestiti direttamente dai Comuni, che si fanno carico di organizzare (individuando loro stessi un gestore, e prendendosi la responsabilità della scelta) la permanenza degli ospiti dal punto di vista logistico e umano. E promuovendo anche attività di integrazione non solo sociale, ma anche professionale.
In questo quadro si inseriscono oggi Pray e Coggiola, Comuni di quella Valsessera che sin dall’inizio dell’emergenza ha avuto un ruolo sostanziale nell’accoglienza dei richiedenti asilo, con oltre 50 ospiti giunti in zona e altri 100 posti già opzionati dai soggetti gestori per il futuro. Proprio alla luce di questa sovrabbondanza di realtà, e per scongiurare non solo l’apertura di nuovi Cas ma anche un gravoso aumento del numero di ospiti, i due paesi oggi si propongono per attivare un progetto Sprar. “Gestire per non subire”, affermano. Intitolando così l’incontro che giovedì alle 17, nel salone don Fava di Granero illustrerà alla popolazione, alla presenza del Prefetto Annunziata Gallo, le modalità di attuazione dell’idea, che prenderà corpo solo dopo il via libera ministeriale.
Sindaco. «Il progetto è molto simile a quello già attuato a Valle Mosso, Mosso e Trivero - spiega il sindaco di Pray, Gian Matteo Passuello -: si tratta di accogliere un totale di 24 migranti, dodici per paese, possibilmente anche donne, bambini e famiglie, sotto la diretta responsabilità dei Comuni. Il percorso, che comporterà una spesa di 1,8 milioni di euro per il triennio, pari esattamente ai classici 35 euro giornalieri moltiplicati per i tre anni e per 24 persone, sarà sostenuto dal Ministero, con una quota simbolica a carico del Comune. A noi spetterà l’attuazione dei percorsi di integrazione degli ospiti, anche dal punto di vista professionale. Il tutto in cambio, come garantito dalla Prefettura, di una contingentazione del numero di migranti presenti nei due paesi». Ovvero: della certezza che, attuando lo Sprar, non ci saranno altri arrivi e altre aperture di strutture private.
V.B.

Articolo di: martedì, 12 settembre 2017, 6:54 p.
YOUKATA'

Un ospedale più verde grazie ai volontari

Un ospedale più verde grazie ai volontari

BIELLA - Unisce solidarietà, volontà di fare e passione per il bello. È il progetto “Aree verdi per l’Ospedale di Biella” presentato ieri mattina in un incontro a cui ha partecipato anche l’assessore regionale alla sanità Antonio Saitta.  Una iniziativa che ha portato nell’arco di questi mesi l’area antistante il(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

«Nel Quadrante è emergenza discariche»

«Nel Quadrante è emergenza discariche»

CAVAGLIÀ - «L’annunciata chiusura della discarica di Barengo e l’impossibilità di potenziare, per ora, il polo di Cavaglià preoccupano i rappresentanti degli enti preposti alla raccolta, al trattamento e allo smaltimento dei rifiuti nel quadrante nord della regione. La situazione assumerà presto i connotati dell’emergenza, anche in relazione al fatto che il(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Picchiavano i bimbi: arrestate tre maestre

Picchiavano i bimbi: arrestate tre maestre

Stamattina la Polizia di Stato di Vercelli ha portato a termine un’altra brillante operazione, denominata "tutti giù per terra", eseguendo tre ordinanze applicative della misura cautelare degli arresti domiciliari a carico di tre maestre, di una Scuola per l’Infanzia di Vercelli, per il reato di maltrattamenti. L’attività investigativa, svolta dalla(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Basket, Eurotrend conquista Agrigento: è seconda

Basket, Eurotrend conquista Agrigento: è seconda

Tre partite in sette giorni, complice un anticipo che la farà riposare domenica: l’Eurotrend fa filotto e vince anche ad Agrigento (74-82), dominando per tre quarti, sentendo la fatica nell’ultimo quarto, in cui Ferguson (30) ha tenuto a bada la rimonta siciliana. Nel calcio, altro pareggio de La Biellese.  Leggi tutto lo sport sull'Eco di Biella in edicola (...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top