Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 27 febbraio 2017
Articolo di: martedì, 10 gennaio 2017, 10:00 m.

«Sono della ‘Ndrangheta, processateli»

Chiesto il rinvio a giudizio di 23 indagati della “locale” che faceva capo alla famiglia Raso

La Procura di Torino ha chiesto il rinvio a giudizio di 23 persone nel contesto dell’inchiesta denominata “Alto Piemonte”, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia con i pm Monica Abbatecola e Paolo Toso, che a luglio aveva portato in carcere e ai domiciliari 18 persone ritenute dagli inquirenti affiliati alla ‘Ndrangheta e facenti parte della “locale” di Santhià. La cosca, stando alle indagini, sarebbe stata attiva nelle province di Torino, Biella, Vercelli e Novara. I reati contestati vanno dall’associazione di tipo mafioso all’estorsione al sequestro di persona, passando per la detenzione e il porto d’armi. Contestato persino un tentato omicidio avvenuto nel 2014 a Volpiano.
I tentacoli della ‘Ndrangheta si erano allungati con prepotenza anche nel Biellese dove - stando agli inquirenti - vari commercianti erano stati taglieggiati, spaventati a morte, picchiati, costretti a pagare per ottenere protezione. Guai a dire di no. C’è un imprenditore che s’è trovato l’auto da 80mila euro completamente distrutta dal fuoco, c’è la proprietaria di un bar a cui hanno versato zucchero nel serbatoio, a un’altra ancora hanno incendiato l’utilitaria. A un barista hanno bruciato direttamente il locale. Le botte a chi non pagava erano all’ordine del giorno. Nell’ordinanza di duecento pagine che ha fatto scattare l’operazione dell’Antimafia - a cui hanno partecipato i poliziotti delle Squadre mobili di Biella e Torino, Gico della Finanza e carabinieri di Volpiano e Chivasso - si parla anche di un fiume di droga che veniva fatto confluire verso Biellese e Vercellese, di traffico d’armi, di metodi mafiosi da fare spavento.
V.Ca.

Articolo di: martedì, 10 gennaio 2017, 10:00 m.
YOUKATA'

Raffica di furti da Biella a Cerrione

Raffica di furti da Biella a Cerrione

I ladri tornano a colpire. A Biella, in un alloggio di via Rosmini, hanno rubato un computer portatile e oggetti d’oro. La stessa banda potrebbe aver colpito a Cerrione, dove sono stati trafugati degli orologi, a Gaglianico, denaro e un tablet e a candelo, dove, a  casa di un uomo e di quella del figlio sono spariti rispettivamente soldi e una telecamera. Indagano i carabinieri.

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Debutta il 6 marzo la giunta nei quartieri

Debutta il 6 marzo la giunta nei quartieri

BIELLA - Si terrà a San Paolo la prima seduta della giunta comunale in un quartiere cittadino: da lunedì 6 marzo, giorno fissato per il debutto dell’iniziativa, l’esecutivo si riunirà periodicamente in una sede diversa da palazzo Oropa eleggendo come “palazzo di governo provvisorio” un luogo facilmente raggiungibile dagli abitanti(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

L’Unione Montana vicina ai cittadini

L’Unione Montana vicina ai cittadini

ANDORNO MICCA - Il progetto di comunicazione prende il via nel 2017 con lo scopo di migliorare la relazione fra l’Unione Montana Valle Cervo La Bürsch ed il cittadino, attraverso l’introduzione di nuovi strumenti di informazione affiancati ad altri già esistenti ed in via di sviluppo. La comunicazione istituzionale, coordinata dall’assessore con delega(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

«Battere Tortona per giocare playoff più competitivi»

«Battere Tortona per giocare playoff più competitivi»

BIELLA - Messi al cospetto della macchina della verità a settembre, nemmeno i giocatori dell’Angelico, che non da oggi sono i primi a crederci, avrebbero confermato di ritenere possibile che a fine febbraio avrebbero giocato un derby al Forum con in palio i due punti che ammazzerebbero la corsa al primato nel girone Ovest. Se l’Angelico domenica, alle 18,(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top