Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 26 maggio 2017
Articolo di: martedì, 10 gennaio 2017, 10:00 m.

«Sono della ‘Ndrangheta, processateli»

Chiesto il rinvio a giudizio di 23 indagati della “locale” che faceva capo alla famiglia Raso

La Procura di Torino ha chiesto il rinvio a giudizio di 23 persone nel contesto dell’inchiesta denominata “Alto Piemonte”, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia con i pm Monica Abbatecola e Paolo Toso, che a luglio aveva portato in carcere e ai domiciliari 18 persone ritenute dagli inquirenti affiliati alla ‘Ndrangheta e facenti parte della “locale” di Santhià. La cosca, stando alle indagini, sarebbe stata attiva nelle province di Torino, Biella, Vercelli e Novara. I reati contestati vanno dall’associazione di tipo mafioso all’estorsione al sequestro di persona, passando per la detenzione e il porto d’armi. Contestato persino un tentato omicidio avvenuto nel 2014 a Volpiano.
I tentacoli della ‘Ndrangheta si erano allungati con prepotenza anche nel Biellese dove - stando agli inquirenti - vari commercianti erano stati taglieggiati, spaventati a morte, picchiati, costretti a pagare per ottenere protezione. Guai a dire di no. C’è un imprenditore che s’è trovato l’auto da 80mila euro completamente distrutta dal fuoco, c’è la proprietaria di un bar a cui hanno versato zucchero nel serbatoio, a un’altra ancora hanno incendiato l’utilitaria. A un barista hanno bruciato direttamente il locale. Le botte a chi non pagava erano all’ordine del giorno. Nell’ordinanza di duecento pagine che ha fatto scattare l’operazione dell’Antimafia - a cui hanno partecipato i poliziotti delle Squadre mobili di Biella e Torino, Gico della Finanza e carabinieri di Volpiano e Chivasso - si parla anche di un fiume di droga che veniva fatto confluire verso Biellese e Vercellese, di traffico d’armi, di metodi mafiosi da fare spavento.
V.Ca.

Articolo di: martedì, 10 gennaio 2017, 10:00 m.
YOUKATA'

La casa di riposo di Andorno Micca resta senz’acqua

La casa di riposo di Andorno Micca resta senz’acqua

ANDORNO MICCA - Sono dovuti intervenire i Vigili del fuoco, lunedì mattina e persino ieri nel primo pomeriggio, ad Andorno Micca, per portare l’acqua, grazie alle autocisterne, alla casa di riposo del paese, rimasta all’asciutto dalle prime ore di entrambe le giornate.  E’ scattato subito l’allarme, con la richiesta di intervento inoltrata al sindaco(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

La sicurezza “spacca” il Consiglio comunale

La sicurezza “spacca” il Consiglio comunale

BIELLA - Un consiglio comunale, quello di martedì scorso, che non proponeva grossi temi di scontro, tanto che sia la delibera sulla rinegoziazione dei mutui, sia quella dell’affidamento a Enerbit di tremila punti luce per la sostituzione delle lampade con i led, sono passate anche con i voti della minoranza. I problemi sono invece nati dalle mozioni. In particolare quella(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Un aiuto dai migranti per riaprire il rifugio

Un aiuto dai migranti per riaprire il rifugio

COGGIOLA - Il rifugio Monte Barone all’alpe Ponasca, amatissimo punto di ritrovo per gli amanti della montagna, valsesserini e non solo, si prepara a riaprire le sue porte. E lo fa con una grande novità: il nuovo look che i lavori di miglioramento funzionale e strutturale promossi dal Cai Valsessera, titolare dei locali, gli hanno conferito. Un inverno di lavori, ed ecco ora(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Giro d'Italia nel Biellese, in 200mila a tifare in strada

Giro d'Italia nel Biellese, in 200mila a tifare in strada

BIELLA - Duecentomila persone tra Biella e Valdengo per le due tappe del Giro d’Italia che ha visto la nostra provincia protagonista. Duecentomila animi pulsanti che hanno incendiato una delle più belle tappe sino ad ora corse in questo Giro del centenario (quella con arrivo a Oropa) e che poi hanno voluto salutare la carovana rosa a Valdengo. Una vetrina straordinaria per il nostro(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top