Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 23 novembre 2017
Articolo di: martedì, 10 gennaio 2017, 10:00 m.

«Sono della ‘Ndrangheta, processateli»

Chiesto il rinvio a giudizio di 23 indagati della “locale” che faceva capo alla famiglia Raso

La Procura di Torino ha chiesto il rinvio a giudizio di 23 persone nel contesto dell’inchiesta denominata “Alto Piemonte”, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia con i pm Monica Abbatecola e Paolo Toso, che a luglio aveva portato in carcere e ai domiciliari 18 persone ritenute dagli inquirenti affiliati alla ‘Ndrangheta e facenti parte della “locale” di Santhià. La cosca, stando alle indagini, sarebbe stata attiva nelle province di Torino, Biella, Vercelli e Novara. I reati contestati vanno dall’associazione di tipo mafioso all’estorsione al sequestro di persona, passando per la detenzione e il porto d’armi. Contestato persino un tentato omicidio avvenuto nel 2014 a Volpiano.
I tentacoli della ‘Ndrangheta si erano allungati con prepotenza anche nel Biellese dove - stando agli inquirenti - vari commercianti erano stati taglieggiati, spaventati a morte, picchiati, costretti a pagare per ottenere protezione. Guai a dire di no. C’è un imprenditore che s’è trovato l’auto da 80mila euro completamente distrutta dal fuoco, c’è la proprietaria di un bar a cui hanno versato zucchero nel serbatoio, a un’altra ancora hanno incendiato l’utilitaria. A un barista hanno bruciato direttamente il locale. Le botte a chi non pagava erano all’ordine del giorno. Nell’ordinanza di duecento pagine che ha fatto scattare l’operazione dell’Antimafia - a cui hanno partecipato i poliziotti delle Squadre mobili di Biella e Torino, Gico della Finanza e carabinieri di Volpiano e Chivasso - si parla anche di un fiume di droga che veniva fatto confluire verso Biellese e Vercellese, di traffico d’armi, di metodi mafiosi da fare spavento.
V.Ca.

Articolo di: martedì, 10 gennaio 2017, 10:00 m.
YOUKATA'

Malore? No, stava dormendo

Malore? No, stava dormendo

Hanno temuto che un uomo si fosse sentito male lungo la strada poco prima dell'abitato di Pray Biellese, all'altezza di un'autoscuola. L'uomo che si trovava al posto di guida di una Citroen C3, non stava in realtà male, si era solo appisolato in quanto parecchio stanco. Per precauzione i carabinieri hanno comunque effettuato un controllo.

continua »

Altre notizie di questa categoria »

In via Ogliaro spunta il limite dei 30 chilometri orari

In via Ogliaro spunta il limite dei 30 chilometri orari

BIELLA - Da lunedì mattina, in via Ogliaro, è comparso un rilevatore di velocità, poco prima della curva, scendendo da Andorno Micca, che porta poi al rettilineo dove, da alcuni giorni, è stato realizzato un altro dosso a protezione di un attraversamento pedonale. La sostanziale novità, però, non è tanto l’indicatore della(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

«Nel Quadrante è emergenza discariche»

«Nel Quadrante è emergenza discariche»

CAVAGLIÀ - «L’annunciata chiusura della discarica di Barengo e l’impossibilità di potenziare, per ora, il polo di Cavaglià preoccupano i rappresentanti degli enti preposti alla raccolta, al trattamento e allo smaltimento dei rifiuti nel quadrante nord della regione. La situazione assumerà presto i connotati dell’emergenza, anche in relazione al fatto che il(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Basket, Eurotrend conquista Agrigento: è seconda

Basket, Eurotrend conquista Agrigento: è seconda

Tre partite in sette giorni, complice un anticipo che la farà riposare domenica: l’Eurotrend fa filotto e vince anche ad Agrigento (74-82), dominando per tre quarti, sentendo la fatica nell’ultimo quarto, in cui Ferguson (30) ha tenuto a bada la rimonta siciliana. Nel calcio, altro pareggio de La Biellese.  Leggi tutto lo sport sull'Eco di Biella in edicola (...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top