Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 17 dicembre 2017
Articolo di: mercoledì, 09 agosto 2017, 6:57 p.

«Una lacrima è ieri, io vivo nel presente»

Intervista a Bobby Solo, guest star della festa di Callabiana

Bobby Solo sarà la guest star della festa di Callabiana, che si è sempre caratterizzata per portare un “grande” del passato e del presente alla sagra di paese: questa sera tocca a Bobby Solo, nome d'arte di Roberto Satti, nato il 18 marzo 1945, cantautore, chitarrista e attore, l’Elvis Presley italiano. 

Le immagini in bianconero del Festival di Sanremo che scorrono sotto le note di “Una lacrima sul viso” rappresentano il primo mattoncino che Bobby Solo ha saputo mettere nella storia della musica italiana. Era il 1964, quando a 19 anni il cantautore romano esordiva sul palco dell’Ariston. Passò alla storia come il primo playback sanremese, a causa della paralisi emotiva delle corde vocali che colpì l’artista, ma fu anche l’inizio di una carriera ricca di successi, che dura ancora oggi.

Roberto, da quel debutto in playback al Festival a oggi. Quando salì sul palco dell’Ariston, avrebbe mai immaginato tutto il successo che ha avuto?
«No, non avrei immaginato una carriera simile. Il calo di voce era stato causato dalla paura: ero molto timido e alle prove vidi dei mostri del palcoscenico come Paul Anka, Frankie Avolon, Bobby Rydell. Erano tutti cantanti già preparati. Io ero molto insicuro e quando sono arrivato sul palco mi è andata via la voce».

Quella fu la sua prima volta dal vivo in assoluto. Oggi, possiamo dire che bruciare le tappe e saltare “la gavetta” non è stato così controproducente...
«Sì, quest’anno sono 54 anni di carriera: mi sembra quasi impossibile. Soprattutto pensando a come tutto è cominciato. Abitavo a Milano e andando a ripetizioni di greco un giorno conobbi Lo Vecchio (paroliere, tra gli altri, di Mina e Vecchioni, ndr) e gli dissi che volevo fare il cantante. Mi diede appuntamento il giovedì successivo alla Ricordi. Arrivai, suonai due pezzi di Elvis (Presley, ndr) e il direttore artistico mi offrì un contratto. Per questo non ci fu né gavetta, né nient’altro. È stato un inizio abbastanza a sorpresa, quasi da film».

Elvis è stato fondamentale nella sua carriera...
«Si, mi ha cambiato la vita. È stato un punto di riferimento: non ho però “scimmiottato” Elvis, sono andato al cuore della sua musica. Per farlo, ho ascoltato tutti i cantanti che ascoltava lui: dal country al blues. Mi sono fatto una discreta cultura per rivivere a pieno tutta la sua figura».

Luca Rondi

Articolo di: mercoledì, 09 agosto 2017, 6:57 p.

Il Biellese culturale è dinamico, ma privo di coordinamento

Il Biellese culturale è dinamico, ma privo di coordinamento

Alcuni appuntamenti culturali di questi ultimi giorni inducono a riflettere sullo stato dell’arte di una realtà, quella culturale biellese, che si presenta attiva, ma disomogenea e disorganica. La situazione odierna è senza dubbio dinamica e stimolante, ma ancora vistosamente penalizzata dall’assenza di un coordinamento strutturale e di una regia territoriale.(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

180 tonnellate di sale contro il ghiaccio

180 tonnellate di sale contro il ghiaccio

BIELLA - La neve e il gelo sono arrivati anche a Biella e provincia e l'Amministrazione comunale non si è fatta trovare impreparata.  Il piano è scattato in anticipo rispetto all'arrivo della perturbazione per pre-trattare le strade con il sale. Dalle prime ore del mattino di lunedì gli spargisale hanno continuato a percorrere la città, aiutati a partire(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

La truffa del vino riesce ancora una volta

La truffa del vino riesce ancora una volta

BIELLA - E’ sempre lui, la descrizione corrisponde. Il truffatore delle bottiglie di vino che si fa pagare fior di quattrini per scatole vuote oppure bottiglie di acqua sporca o vino scadente, è un uomo sulla cinquantina o poco più, capelli scuri brizzolati, alto, di corporatura robusta e con l’accento piemontese. Non è una brava persona come potrebbe(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Gli auguri sportivi alla Domus

Gli auguri sportivi alla Domus

SAGLIANO MICCA - Sarà, come tutti gli anni, una grande festa quella di domani pomeriggio alla Domus Laetitiae di Sagliano Micca, dove andrà in scena la tradizionale kermesse legata agli auguri sportivi. E gli organizzatori, anche quest’anno, sono riusciti a piazzare un vero e proprio colpo da maestri. Sarà infatti presente Giulia Quintavalle (nella foto),(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top