Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì e giovedì

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 22 gennaio 2018
Articolo di: venerdì, 12 gennaio 2018, 2:14 p.

“Chi offre e crea lavoro in Piemonte”

Gli esiti dell'indagine di Regione Piemonte e Conferenza episcopale

Dove trovano lavoro i giovani piemontesi, che tipi di attività svolgono e quali caratteristiche hanno le iniziative imprenditoriali promosse dagli under 35? A queste domande si è proposta di rispondere l’indagine “Chi offre e crea lavoro in Piemonte”, frutto di un accordo di collaborazione, siglato nella primavera scorsa, tra Regione Piemonte e Conferenza Episcopale Piemontese, con l’obiettivo di contribuire a migliorare la conoscenza delle dinamiche occupazionali che hanno per protagonisti i giovani in Piemonte, consentendo loro di orientarsi meglio nel mercato del lavoro e offrendo agli operatori, pubblici e privati dei servizi per l’impiego, un utile strumento informativo.

Affidata a un gruppo di lavoro specializzato e presentata in conferenza stampa alla presenza del Presidente della Conferenza Episcopale Piemontese Mons. Cesare Nosiglia, del presidente e dell’assessora al Lavoro della Regione Piemonte, l’indagine fornisce una mappa dettagliata delle opportunità di lavoro che nel biennio 2015-2016 hanno interessato i giovani piemontesi, insieme a un quadro, altrettanto dettagliato, delle iniziative imprenditoriali promosse dai giovani nel periodo 2014-2016.

Nel primo caso, attingendo ai dati delle comunicazioni obbligatorie delle imprese, sono stati analizzati più di 650.000 avviamenti al lavoro che hanno riguardato 350.000 giovani piemontesi di età compresa tra i 15 e i 35 anni che, almeno per una volta, hanno iniziato un rapporto di lavoro dalla durata variabile, in alcuni casi breve, in altri duratura o stabile. Sono state quindi analizzate 170 diverse attività svolte dai giovani in 17 luoghi di lavoro (l’azienda agricola, la fabbrica, il supermercato, la bottega, la scuola, l’ospedale, ecc.), che sono stati presentati utilizzando sei verbi che colgono le dimensioni più importanti del lavoro: fabbricare, vendere, gestire, muovere, dialogare, prendersi cura.

Emerge così che nel biennio 2015-2016 oltre 97.300 giovani (il 27,8% del totale) sono stati impegnati a fabbricare, produrre qualcosa, in una fabbrica (il 12,8%), in un’azienda agricola (il 6,8%), in un cantiere edile (il 4,6%) o in una bottega artigiana (il 3,6%). Di poco inferiore il numero di giovani che si sono dedicati a vendere beni e servizi: sono stati circa 94.600, di cui 46.977 (il 13,6%) in alberghi, bar e ristoranti, 35.112 (il 10%) in negozi e supermercati e 12.548 (il 3,6%) nell’help-desk. 57.200 under 35 sono invece stati occupati nella gestione di problemi, informazioni e procedure, la maggior parte di loro in un ufficio, studio amministrativo o professionale. Altri 31.126 giovani si sono impegnati nella movimentazione di persone e merci, mentre oltre 27.200 hanno iniziato a lavorare sul dialogo e l’insegnamento: 17.600 in scuole o agenzie formative; 9.600 in attività legate allo spettacolo. Infine, 41.749 giovani si sono presi cura di qualcuno o di qualcosa, prestando assistenza nelle strutture (7.768, il 2,2%), in famiglia (11.606, il 3,3 %), oppure occupandosi della pulizia dei locali e dell’ambiente urbano (12.258, 3,5%), o di attività di vigilanza e sicurezza.

Articolo di: venerdì, 12 gennaio 2018, 2:14 p.

Differenziata, il Biellese al 60 per cento

Differenziata, il Biellese al 60 per cento

BIELLA -  Il bacino biellese a livello di raccolta differenziata cresce. E i dati sono ancora quelli relativi al 2016, gli ultimi certificati, nei giorni scorsi, dalla giunta regionale con una apposita delibera. Dati che non tengono conto del passaggio, avvenuto l’anno scorso, di molti comuni biellesi alla raccolta porta a porta, sistema che consente di aumentare, e non di(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

“Giovane, vai a zappare la terra!”

“Giovane, vai a zappare la terra!”

“Ma vai a zappare la terra!”. La frase potrebbe non essere più vista come un invito a dedicarsi a qualcosa di meno “nobile”: sono ben otto, infatti, i soggetti - privati e pubblici - che in queste settimane cercano proprio giovani disposti a mettersi in gioco così, vanga in mano e stivali ai piedi, per tentare una nuova esperienza di vita. “Terra(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Paura per una slavina all’Alpe Artignaga

Paura per una slavina all’Alpe Artignaga

Momenti di paura, stamattina a Biemonte, a causa del distacco di una slavina avvenuto in località Alpe Artignaga. Fortunatamente nessuno è rimasto sepolto dalla neve. Scattato l’allarme, all’Alpe Artignaga è arrivato un vero e proprio dispiegamento di forze: oltre    alle unità cinofile, sono arrivati anche i volontari del soccorso alpino(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

L’Eurotrend nella tana di Trapani: serve un colpaccio per la classifica

L’Eurotrend nella tana di Trapani: serve un colpaccio per la classifica

Un girone fa, Trapani non destò grandi impressioni nella sconfitta al Forum per 78-60. L’Eurotrend non le lasciò scampo grazie a 20 punti a testa della coppia Ferguson-Bowers e a un Tessitori che stravinse il duello con l’ex  Renzi. Dall’altra parte solo 11 e 12 punti per gli americani Brandon Jefferson e Jesse Perry, mai in partita. E tuttavia era(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top