Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 26 settembre 2017
Articolo di: sabato, 06 maggio 2017, 11:58 m.

Cadavere avvolto in un telo in plastica e nascosto nel sottotetto

Pietro Bello era morto da giorni

Era probabilmente morto da giorni Pietro Bello, 55 anni, residente a Magenta, trovato cadavere ieri dai carabinieri nell’abitazione di Cristian Angileri, 39 anni, di Valle Mosso. Il corpo di Pietro Bello è stato rinvenuto nel sottotetto dell’immobile,  avvolto in un telo di plastica. Ora si trova  all’obitorio dell’ospedale “Degli Infermi” di Ponderano, a disposizione dell’autorità giudiziaria che ha ordinato l’autopsia.

Intanto Cristian Angileri si trova in carcere a Biella, in stato di fermo. E’ accusato di omicidio preterintenzionale. Dopo la scoperta del cadavere ha reso alcune spontanee ma contrastanti dichiarazioni agli inquirenti.

Pietro Pietro Bello si era allontanato dalla propria abitazione di Magenta lo scorso 30 aprile. Aveva detto ai famigliari “vado a fare un giro” e da allora non aveva più dato sue notizie. Moglie e figlia, preoccupate, non vedendolo rientrare, avevano lanciato l’allarme. L’appello era stato trasmesso anche durante l’ultima puntata del programma tv “Chi l’ha visto”.

Le ricerche di Pietro Bello procedevano da giorni. Giovedì sera la svolta, con il ritrovamento,  davanti all’ex cinema di Valle Mosso, dell’auto dell’uomo, una Chevrolet Cruz di colore nero. Ed è proprio dopo ritrovamento casuale della vettura che i militari biellesi hanno cercato di fare chiarezza sulla vicenda. Sono riusciti a risalire ad alcuni contatti tra Bello ed Angeleri: i due uomini sono stati visti insieme nella serata del 30 aprile. Poi di Bello più nessuna traccia. L’auto di Bello era parcheggiata vicino all’ex cinema da giorni, secondo i residenti della zona sicuramente dalla notte del primo maggio.

Cosa sia successo esattamente è ancora al vaglio degli investigatori. Forse  - ma per ora sono solo ipotesi - i due hanno litigato. La discussione si è fatta sempre più accesa sfociando in violenza. Forse uno spintone di troppo ha provocato la caduta di Bello, che ha sbattuto la testa ed è morto.

Di certo c’è che Cristian Angileri, originario di Pettinengo e da tutti conosciuto come “Tiziano” ha già avuto problemi con la giustizia in passato. Ex dipendente Seab, la società che si occupa della raccolta e smaltimento rifiuti, era stato licenziato dopo essere stato accusato di furto  e ora lavorava per un’azienda privata.  

Articolo di: sabato, 06 maggio 2017, 11:58 m.
YOUKATA'

Con la pistola in pugno rapina la “Cassa” di Bra: arrestato

Con la pistola in pugno rapina la “Cassa” di Bra: arrestato

Da Biella a Bra per rapinare una banca. E’ stato catturato dai carabinieri, dopo un inseguimento durato poche manciate di minuti, Salvatore Caruso, pizzaiolo di 62 anni residente a Biella. L’uomo è un habitué delle rapine. In carcere, oltre a lui, è finito anche il suo complice, un disoccupato con il quale venerdì scorso ha messo a segno il colpo e(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

A Biella la Corsa della Speranza 2017

A Biella la Corsa della Speranza 2017

BIELLA - La Corsa della Speranza è un appuntamento da non perdere: è una passeggiata non competitiva e aperta a tutti, grandi e piccini, atleti, campioni e amatori. L'importante è partecipare per raggiungere tutti insieme lo stesso obiettivo: sconfiggere il cancro. É un'iniziativa che coniuga attività fisica, che significa salute, e speranza di trovare(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

E la Pedemontina va: Chiamparino conferma 120 milioni

E la Pedemontina va: Chiamparino conferma 120 milioni

L’annuncio è arrivato durante la cena di autofinanziamento del Partito Democratico di venerdì scorso (nella foto), direttamente dal Governatore del Piemonte, Sergio Chiamparino. I soldi per la parte regionale (120 milioni di euro) della Pedemontina, il collegamento da Masserano a Ghemme, ci sono e verranno presto stanziati. Così il Biellese avrà il suo(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Una Biellese che può correre in testa

Una Biellese che può correre in testa

BIELLA - E’ della Biellese il primo big match di Eccellenza: i bianconeri hanno battuto il Verbania con un secco 3 a 0 (gol al 16' di Scavetta, al 37' e 48' Latta), maturato tutto nel secondo tempo, e si sono messi sulle tracce della capolista Arona che tira il gruppo con un solo punto di vantaggio. L’onore delle armi va comunque dato alla squadra ospite, di gran lunga la(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top