Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì e giovedì

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 21 febbraio 2018
Articolo di: sabato, 06 maggio 2017, 11:58 m.

Cadavere avvolto in un telo in plastica e nascosto nel sottotetto

Pietro Bello era morto da giorni

Era probabilmente morto da giorni Pietro Bello, 55 anni, residente a Magenta, trovato cadavere ieri dai carabinieri nell’abitazione di Cristian Angileri, 39 anni, di Valle Mosso. Il corpo di Pietro Bello è stato rinvenuto nel sottotetto dell’immobile,  avvolto in un telo di plastica. Ora si trova  all’obitorio dell’ospedale “Degli Infermi” di Ponderano, a disposizione dell’autorità giudiziaria che ha ordinato l’autopsia.

Intanto Cristian Angileri si trova in carcere a Biella, in stato di fermo. E’ accusato di omicidio preterintenzionale. Dopo la scoperta del cadavere ha reso alcune spontanee ma contrastanti dichiarazioni agli inquirenti.

Pietro Pietro Bello si era allontanato dalla propria abitazione di Magenta lo scorso 30 aprile. Aveva detto ai famigliari “vado a fare un giro” e da allora non aveva più dato sue notizie. Moglie e figlia, preoccupate, non vedendolo rientrare, avevano lanciato l’allarme. L’appello era stato trasmesso anche durante l’ultima puntata del programma tv “Chi l’ha visto”.

Le ricerche di Pietro Bello procedevano da giorni. Giovedì sera la svolta, con il ritrovamento,  davanti all’ex cinema di Valle Mosso, dell’auto dell’uomo, una Chevrolet Cruz di colore nero. Ed è proprio dopo ritrovamento casuale della vettura che i militari biellesi hanno cercato di fare chiarezza sulla vicenda. Sono riusciti a risalire ad alcuni contatti tra Bello ed Angeleri: i due uomini sono stati visti insieme nella serata del 30 aprile. Poi di Bello più nessuna traccia. L’auto di Bello era parcheggiata vicino all’ex cinema da giorni, secondo i residenti della zona sicuramente dalla notte del primo maggio.

Cosa sia successo esattamente è ancora al vaglio degli investigatori. Forse  - ma per ora sono solo ipotesi - i due hanno litigato. La discussione si è fatta sempre più accesa sfociando in violenza. Forse uno spintone di troppo ha provocato la caduta di Bello, che ha sbattuto la testa ed è morto.

Di certo c’è che Cristian Angileri, originario di Pettinengo e da tutti conosciuto come “Tiziano” ha già avuto problemi con la giustizia in passato. Ex dipendente Seab, la società che si occupa della raccolta e smaltimento rifiuti, era stato licenziato dopo essere stato accusato di furto  e ora lavorava per un’azienda privata.  

Articolo di: sabato, 06 maggio 2017, 11:58 m.

Brucia rifiuti nel salotto di casa rischiando di dare fuoco all' intero palazzo

Brucia rifiuti nel salotto di casa rischiando di dare fuoco all' intero palazzo

Ha rischiato di dar fuoco all'intero palazzo - un condominio di strada Regione Croce, a Chiavazza, nel quale vivono una ventina di famiglie - bruciando rifiuti nel salotto di casa. E quando sono arrivati Vigili del fuoco e Polizia si è rifiutato di aprire loro la porta di casa. Per questi motivi Christian Bazzeato, 43 anni, di Biella, è stato arrestato. L'uomo, che è(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Pista di atletica aperta la sera e nei fine settimana

Pista di atletica aperta la sera e nei fine settimana

BIELLA - Saranno Unione Giovane Biella, Bugella Sport e Biella Running, tre dei club che frequentano più assiduamente lo stadio La Marmora-Pozzo, a tenere aperte le porte della pista di atletica più a lungo rispetto agli orari attuali, compresi i fine settimana. Lo stabilisce una convenzione che la giunta ha approvato nella seduta di lunedì 19 febbraio e che(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Dopo il premio Attila, lavori al via a Vigliano

Dopo il premio Attila, lavori al via a Vigliano

VIGLIANO BIELLESE -  Sono iniziati i lavori per sistemare l’area lungo la via Milano dove il Comune ha deciso di togliere i pini marittimi, scatenando  la reazione di Legambiente  che ha assegnato al Comune il “Premio Attila”.  Radici invadenti. Gli alberi, nel tempo, con le loro radici avevano alterato notevolmente il sedime stradale, sollevandolo(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Edilnol Rugby, contro il Lecco vittoria di misura

Edilnol Rugby, contro il Lecco vittoria di misura

BASKET SERIE A2 OVEST - Niente da fare, Siena resta un campo tabù. L’Eurotrend si fa maltrattare (90-75), non dando mai l’impressione di poter impensierire i toscani. Nel finale arriva anche l’espulsione di Ferguson a causa di un doppio fallo tecnico. Deluso coach Michele Carrea: "Prestazione poco seria". Biella resta seconda. RUGBY SERIE B - Quel che certo,(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top