Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì e giovedì

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 19 febbraio 2018
Articolo di: venerdì, 20 ottobre 2017, 3:24 p.

#CastagnoPiemonte, al via il progetto per il rilancio del settore

Obiettivo creare una filiera a 360 gradi

La Fiera del Marrone di Cuneo ha rilanciato il ruolo della filiera del castagno, grazie al lavoro che in particolare sta svolgendo il Centro regionale di Castanicoltura, voluto dalla Regione Piemonte, nel quale converge l'impegno di Ipla, Dipartimento di Scienze Agrarie e Forestali dell'Università di Torino, Uncem, Unioni montane di Comuni, Associazione Città del Castagno, insieme alle imprese della filiera. 

«Dopo la crisi legata al cinipide, la produzione di castagne aumenta - spiegano Gabriele Beccaro e Gabriella Mellano, docenti all'Università di Torino del Disafa - Vi è però la necessità di un piano integrato che stiamo allestendo con la Regione Piemonte, grazie all'impegno degli assessori alla Montagna Valmaggia e all'Agricoltura Ferrero, d'intesa con il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali. Il Viceministro Andrea Olivero, in un convegno a Cuneo nei giorni scorsi, ha confermato il massimo supporto del Mipaaf. Molto positivo per la filiera è il lavoro che stiamo facendo con Alberto Manzo, alla guida della Direzione Generale Promozione Qualità Agroalimentare del Ministero. La strada è quella giusta e deve coinvolgere attori privati e pubblici».

 In Piemonte, il castagno, che si estende su 200mila ettari, di cui solo 10mila "gestiti" e destinati alla produzione del frutto: «Lavoriamo per aumentare questo numero, puntando sulla filiera completa in modo da creare valore aggiunto economico e occupazionale. Non solo raccolta e vendita diretta, ma raccolta, trasformazione e vendita, con investimenti a supporto delle imprese anche delle Unioni montane di Comuni», aggiunge Lido Riba, presidente Uncem. Lo sanno bene i vivaisti Guido Bassi, Paolo Viale e Carlo Lazzerini con il castanicoltore Roberto Ansaldi che con i colleghi chiedono alle istituzioni di intervenire per arginare strutturalmente il problema della siccità, primo rischio per la buona produzione del frutto, con micro-invasi nelle vallate. Altro tema chiave che #CastagnoPiemonte mette sul tavolo è quello della frammentazione fondiaria, superabile attuando la legge regionale sull'associazionismo e anche con una nuova legge nazionale sulla ricomposizione. 

«Il bosco vede connessi impegni ambientali, paesaggistici e produttivi - evidenzia il viceministro Olivero - che non possono essere affrontati con finalità di sviluppo settoriali, ma che sono elementi strettamente interconnessi. Oggi occorre produrre bene, altrimenti l'agricoltura si trasforma in un disastro economico e sociale. La castagna ha un grande valore perché ha storia, cultura, tradizione ben definite. Nelle prossime settimane uscirà il Piano forestale nazionale il cui obiettivo è di cambiare il modello di governo di questo immenso patrimonio, passando da una logica conservativa-museale a quella gestionale dinamica e attiva».

Articolo di: venerdì, 20 ottobre 2017, 3:24 p.

Dopo il premio Attila, lavori al via a Vigliano

Dopo il premio Attila, lavori al via a Vigliano

VIGLIANO BIELLESE -  Sono iniziati i lavori per sistemare l’area lungo la via Milano dove il Comune ha deciso di togliere i pini marittimi, scatenando  la reazione di Legambiente  che ha assegnato al Comune il “Premio Attila”.  Radici invadenti. Gli alberi, nel tempo, con le loro radici avevano alterato notevolmente il sedime stradale, sollevandolo(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Fotoclub: in arrivo il corso da sette lezioni

Fotoclub: in arrivo il corso da sette lezioni

Giovedì 1° marzo  prenderà il via il 26° corso di Fotografia organizzato dal Fotoclub Biella e certificato FIAF, che si articolerà in 7 lezioni teoriche, 4 workshops e 2 due serate dedicate alla visualizzazione delle immagini acquisite.  Il corso proposto dal Fotoclub risulta sia un ottimo punto di partenza per affacciarsi sul mondo della fotografia(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Processato due volte per lo stesso reato

Processato due volte per lo stesso reato

Il reato di cui si era macchiato era senz’altro tra i più disonorevoli nell’immaginario collettivo, quello di atti persecutori, meglio noto come stalking. Non poteva però essere processato due volte per lo stesso reato. Il giudice, Paola Rava, ha alla fine accolto la tesi del difensore, avvocato Andrea Conz, e ha disposto nei confronti dell’imputato il non(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top