Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 26 maggio 2017
Articolo di: venerdì, 19 maggio 2017, 10:04 m.

Cento scuole per differenziare meglio

Il progetto di Cosrab per l’anno scolastico 2017/2018

BIELLA - Si chiama progetto “Ognuno al proprio posto”, per una scuola a rifiuti zero. E’ quanto lanciato da Cosrab, il Consorzio che si occupa delle politiche dei rifiuti nel Biellese. Un’iniziativa che parte dal presupposto che la raccolta differenziata nasce storicamente da due fondamentali esigenze: riduzione dell’impatto ambientale conseguente all’immissione nell’ecosistema di materiale di scarto e agenti inquinanti relativi alla loro gestione e risparmio economico, di materie prime e creazione di nuova occupazione.

Il raggiungimento degli obiettivi europei passa anche tramite interventi educativi veicolati tramite le scuole primarie e secondarie in particolare medie e superiori. «Questo percorso - spiega il vicepresidente di Cosrab Alessandro Pizzi -, ispirato dalle linee guida di educazione ambientale del Ministero dell'ambiente, vuole fornire agli alunni conoscenze e competenze di base sulla gestione dei rifiuti, sul processo di riciclo e dare alcuni spunti per riutilizzare ciò che normalmente viene buttato; aspetto fondamentale del laboratorio è, inoltre, l'analisi dello stato di salute del nostro Paese e del pianeta in relazione all'inquinamento prodotto da una scorretta gestione dei prodotti di scarto». Dopo un lavoro di analisi e valutazione della gestione della raccolta differenziata nelle scuole del territorio biellese, Cosrab ha individuato ampi margini di miglioramento, da perseguire anche tramite il progetto.

Tre anni a partire dall’anno scolastico 2017/2018 per sviluppare laboratori per riconoscere la materia, valorizzarla e differenziarla nel modo più corretto. Con visita all’ecocentro di riferimento. «I ragazzi costruiranno i contenitori differenziati – spiega Pizzi - saranno 5 per classe dall’organico alla plastica divisa in rigida (penne, temperini ecc) agli imballaggi (bottiglie e contenitori alimenti per l’intervallo) ma anche carta vetro, lattine e alluminio. Nel tempo spariranno i bidoni neri dell’indifferenziato che oggi paghiamo 120 euro a tonnellata per il loro smaltimento». Questo aiuterà le tasche dei cittadini. «Ad oggi nelle sole scuole di Biella - aggiunge Pizzi - si producono 72 tonnellate di rifiuti indifferenziati all’anno che se si aggiungono alle 52 tonnellate prodotte negli istituti cossatesi si arriva a spendere quasi 15 euro anno di smaltimento. Con questo progetto si stima che sull’intero territorio aderiranno circa 100 istituti scolastici per un risparmio complessivo di 60mila euro che potrebbero arrivare a 100mila se si coinvolgessero in una seconda fase tutti gli uffici pubblici del territorio». Il progetto è partito nel mese di maggio in maniera sperimentale alla scuola media Salvemini di Biella.

Enzo Panelli

Articolo di: venerdì, 19 maggio 2017, 10:04 m.
YOUKATA'

La sicurezza “spacca” il Consiglio comunale

La sicurezza “spacca” il Consiglio comunale

BIELLA - Un consiglio comunale, quello di martedì scorso, che non proponeva grossi temi di scontro, tanto che sia la delibera sulla rinegoziazione dei mutui, sia quella dell’affidamento a Enerbit di tremila punti luce per la sostituzione delle lampade con i led, sono passate anche con i voti della minoranza. I problemi sono invece nati dalle mozioni. In particolare quella(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Un aiuto dai migranti per riaprire il rifugio

Un aiuto dai migranti per riaprire il rifugio

COGGIOLA - Il rifugio Monte Barone all’alpe Ponasca, amatissimo punto di ritrovo per gli amanti della montagna, valsesserini e non solo, si prepara a riaprire le sue porte. E lo fa con una grande novità: il nuovo look che i lavori di miglioramento funzionale e strutturale promossi dal Cai Valsessera, titolare dei locali, gli hanno conferito. Un inverno di lavori, ed ecco ora(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

La casa di riposo di Andorno Micca resta senz’acqua

La casa di riposo di Andorno Micca resta senz’acqua

ANDORNO MICCA - Sono dovuti intervenire i Vigili del fuoco, lunedì mattina e persino ieri nel primo pomeriggio, ad Andorno Micca, per portare l’acqua, grazie alle autocisterne, alla casa di riposo del paese, rimasta all’asciutto dalle prime ore di entrambe le giornate.  E’ scattato subito l’allarme, con la richiesta di intervento inoltrata al sindaco(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Giro d'Italia nel Biellese, in 200mila a tifare in strada

Giro d'Italia nel Biellese, in 200mila a tifare in strada

BIELLA - Duecentomila persone tra Biella e Valdengo per le due tappe del Giro d’Italia che ha visto la nostra provincia protagonista. Duecentomila animi pulsanti che hanno incendiato una delle più belle tappe sino ad ora corse in questo Giro del centenario (quella con arrivo a Oropa) e che poi hanno voluto salutare la carovana rosa a Valdengo. Una vetrina straordinaria per il nostro(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top