Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì e giovedì

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 19 febbraio 2018
Articolo di: giovedì, 18 maggio 2017, 11:50 m.

Fuga sull’auto rubata che si ribalta

Ladri intercettati dai carabinieri a Cavaglià

Inseguimento all’americana con auto in fuga ribaltata in un fosso come conclusione, quello avvenuto ieri notte intorno all’una nelle strade attorno al Lago di Viverone. L’auto uscita di strada è una Volvo V50 risultata rubata domenica scorsa durante il furto in un’abitazione di Azeglio. A bordo c’erano almeno due persone che nonostante l’incidente sono riuscite a uscire dall’abitacolo e a scappare per i campi. Nel bagagliaio della vettura è stato trovato di tutto: il kit completo del perfetto scassinatore più parte di refurtiva. Sarebbero state inoltre trovate delle tracce che consentirebbero di risalire a uno degli occupanti. I carabinieri per ora non si sbilanciano. Segno che il caso potrebbe presto andare incontro ad una svolta decisiva.
E’ stata l’intuizione dei carabinieri di Cavaglià, impegnati in un posto di controllo all’una dell’altra notte lungo la Provinciale in direzione di Ivrea, a consentire di intercettare l’auto sospetta. I due occupanti, che in quel momento stavano provenendo da Piverone in direzione di Cavaglià, non appena hanno visto la pattuglia dei carabinieri con i lampeggianti accesi, si sono fermati e hanno effettuato un’inversione: una manovra che non è passata inosservata ai militari che si sono subito lanciati all’inseguimento. In un primo momento i fuggitivi hanno accennato ad accostare, hanno rallentato di colpo per poi premere sull’acceleratore e ripartire a tutta velocità. Pochi chilometri dopo, il conducente ha perso il controllo e la Volvo è sucita di strada e si è ribaltata. I due occupanti, sebbene in parte acciaccati, sono riusciti a uscire dall’abitacolo e a scappare. I carabinieri hanno fatto confluire tutte le pattuglie disponibili, anche dal comando di Ivrea. Ma dei due balordi non si è trovata per ora traccia.

V.Ca.

Articolo di: giovedì, 18 maggio 2017, 11:50 m.

Processato due volte per lo stesso reato

Processato due volte per lo stesso reato

Il reato di cui si era macchiato era senz’altro tra i più disonorevoli nell’immaginario collettivo, quello di atti persecutori, meglio noto come stalking. Non poteva però essere processato due volte per lo stesso reato. Il giudice, Paola Rava, ha alla fine accolto la tesi del difensore, avvocato Andrea Conz, e ha disposto nei confronti dell’imputato il non(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Fotoclub: in arrivo il corso da sette lezioni

Fotoclub: in arrivo il corso da sette lezioni

Giovedì 1° marzo  prenderà il via il 26° corso di Fotografia organizzato dal Fotoclub Biella e certificato FIAF, che si articolerà in 7 lezioni teoriche, 4 workshops e 2 due serate dedicate alla visualizzazione delle immagini acquisite.  Il corso proposto dal Fotoclub risulta sia un ottimo punto di partenza per affacciarsi sul mondo della fotografia(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Dopo il premio Attila, lavori al via a Vigliano

Dopo il premio Attila, lavori al via a Vigliano

VIGLIANO BIELLESE -  Sono iniziati i lavori per sistemare l’area lungo la via Milano dove il Comune ha deciso di togliere i pini marittimi, scatenando  la reazione di Legambiente  che ha assegnato al Comune il “Premio Attila”.  Radici invadenti. Gli alberi, nel tempo, con le loro radici avevano alterato notevolmente il sedime stradale, sollevandolo(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top