Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 26 luglio 2017
Articolo di: lunedì, 10 aprile 2017, 11:34 m.

In moto contro un’auto, è grave

Ragazzo di 17 anni ricoverato in rianimazione

Abbagliato dal sole è  finito con la moto contro un’auto. Ora Luca M., 17 anni compiuti da pochi giorni, residente a Cavaglià, è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale “Degli Infermi” di Ponderano. Ha riportato traumi in diverse parti del corpo, ma le lesioni che più preoccupano i medici sono quelle all’addome. In particolare il diciassettenne ha  un brutto trauma alla milza per il quale, in un primo momento, sembrava dovesse essere sottoposto ad intervento chirurgico.  Il giovane si trova ricoverato nel reparto di rianimazione, dove le sue condizioni vengono costantemente monitorate dal personale sanitario. La prognosi è al momento riservata, in attesa di verificare l’evoluzione evoluzione della sua situazione clinica. 
 L’incidente, che avrebbe potuto costargli la vita, è successo sabato sera. Erano da poco passate le 18 e il diciassettenne, in sella  alla sua due ruote Fantic Moto Caballero - un modello molto in voga alla fine degli anni ‘60 e ora riprodotto fedelmente come quello dell’epoca -  stava percorrendo via Ivrea, la strada provinciale che da Cavaglià porta a Viverone. Ad un tratto, per cause ancora al vaglio degli inquirenti, ma verosimilmente riconducibili al sole che, tramontando, era particolarmente basso, il giovane si è schiantato contro  la Mercedes Classe B di un uomo di 74 anni, ferma davanti al cancello di casa. 
Scattato l’allarme, oltre al personale del 118, in via Ivrea sono arrivati anche i carabinieri. Il ragazzo ha ricevuto le prime, indispensabili cure sul posto, poi è stato caricato su un’ambulanza e portato al pronto soccorso, dove i medici hanno disposto il suo immediato ricovero nel reparto di rianimazione. Le condizioni del giovane, pur in tutta la loro gravità, sembrano essere stabili. Le prossime ore saranno decisive per stabilire meglio le tempistiche di recupero del ragazzo che, salvo complicazioni, sarebbe comunque fuori pericolo di vita. 
Shama Ciocchetti

Articolo di: lunedì, 10 aprile 2017, 11:34 m.
YOUKATA'

Rapinato distributore a Ponderano

Rapinato distributore a Ponderano

L'ha spintonata con forza e l'ha minacciata. Poi le ha rubato la borsa con l'incasso delle slot machine, del bar e del distributore, in tutto circa 25mila euro in contanti. Brutta avventura ieri sera intorno alle 20 per la benzinaia di 30 anni che da circa un anno gestisce con il marito bar e distributore di carburante "Repsol" che si affaccia lungo il Maghettone, in territorio del comune(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Al via il rifacimento delle strisce

Al via il rifacimento delle strisce

BIELLA - «Abbiamo deciso di investire 250mila euro apposta, perché non fosse una toppa messa dove c'era più urgenza ma un intervento che andasse a risolvere sistematicamente il problema». Marco Cavicchioli è tra i più soddisfatti della partenza del piano di rifacimento della segnaletica orizzontale in città. Il primo intervento è stato(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Rifugio Coda, una storia lunga 70 anni

Rifugio Coda, una storia lunga 70 anni

ALTA VALLE ELVO - Il rifugio Coda  compie settant’anni. Era il 1947 infatti, quando,  l’edificio venne costruito a 2280 metri d’altitudine, posto a mo’ spartiacque tra la Valle del Lys e la Valle dell’Elvo.  Tutto iniziò nell’estate del 1945, quando la sezione di Biella  del Cai tentò non senza difficoltà di far(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Roffino: «Cerco la strada giusta verso Tokio»

Roffino: «Cerco la strada giusta verso Tokio»

Le luci della ribalta del rinomato mezzofondo femminile biellese, nell’ultimo decennio tinto d’azzurro, in questo momento sono puntate su Valeria Roffino, 27enne, appena laureatasi campionessa italiana sulla distanza dei 5000 metri in pista, a sorpresa, perchè l’allieva di Clelia Zola veniva da due titoli consecutivi sui 3000 siepi. Erede della campionissima della(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top