Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 26 settembre 2017
Articolo di: giovedì, 18 maggio 2017, 7:22 p.

Jolly Nero: pene dimezzate

Nel crollo della Torre Piloti di Genova morì un biellese

Uno sconto di quasi la metà della pena, rispetto a quanto aveva chiesto il pubblico ministero. Per la tragedia della Torre Piloti di Genova, il comandante della nave cargo Jolly Nero, Roberto Paoloni,  è stato condannato a 10 anni e 4 mesi (erano stati chieti 20 anni e 7 mesi), il primo ufficiale, Lorenzo Repetto, a 8 anni e 6 mesi (richiesti dieci anni e mezzo), il direttore di macchina, Franco Giammoro, a 7 anni (richiesti dieci anni e mezzo). Per tutti e tre il giudice, Silvia Carpanini, ha disposto l’interdizione dai pubblici uffici per la durata della pena. Condanna anche per il pilota del porto, Antonio Anfossi, a 4 anni e 2 mesi grazie alle attenuanti generiche (la richiesta era stata di dieci anni e sei mesi).
La compagnia Messina, proprietaria del Jolly Nero, è stata ritenuta responsabile solo dell’illecito amministrativo e condannata a pagare un milione  e 50.000 euro di sanzione. Tutti i condannati (Paoloni, Anfossi, Repetto e Giammoro) dovranno risarcire in solido i parenti delle 9 vittime per un importo di circa 6 milioni di euro.
Sono le condanne - lette ieri pomeriggio - per la tragedia della Torre Piloti del porto di Genova, abbattuta dalla nave della società Ignazio Messina il 7 maggio 2013. L’impatto con il Jolly Nero provocò 9 morti e 4 feriti. Tra le vittime c’era anche Davide Morella, 33 anni, di Biella, sottufficiale della Guardia costiera.
Il giudice ha invece assolto Giampaolo Olmetti (la richiesta era stata di 17 anni) e Cristina Vaccari, referenti della compagnia Messina.
In aula si è scatenata la rabbia dei parenti delle vittime, infuriati perché le richieste della Pubblica accusa erano state molto più pesanti. «Assassini, assassini - hanno gridato in coro - avete ucciso nove persone, non finisce qui».
Tra le parti civili compare anche l’avvocato biellese Alessandra Guarini, legale di Adele Chiello Tusa, mamma del giovane Giuseppe Tusa, il quale, smontando dal turno di guardia in ascensore, rimase intrappolato nella Torre crollata, annegando.

V.Ca.

Articolo di: giovedì, 18 maggio 2017, 7:22 p.
YOUKATA'

Con la pistola in pugno rapina la “Cassa” di Bra: arrestato

Con la pistola in pugno rapina la “Cassa” di Bra: arrestato

Da Biella a Bra per rapinare una banca. E’ stato catturato dai carabinieri, dopo un inseguimento durato poche manciate di minuti, Salvatore Caruso, pizzaiolo di 62 anni residente a Biella. L’uomo è un habitué delle rapine. In carcere, oltre a lui, è finito anche il suo complice, un disoccupato con il quale venerdì scorso ha messo a segno il colpo e(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

A Biella la Corsa della Speranza 2017

A Biella la Corsa della Speranza 2017

BIELLA - La Corsa della Speranza è un appuntamento da non perdere: è una passeggiata non competitiva e aperta a tutti, grandi e piccini, atleti, campioni e amatori. L'importante è partecipare per raggiungere tutti insieme lo stesso obiettivo: sconfiggere il cancro. É un'iniziativa che coniuga attività fisica, che significa salute, e speranza di trovare(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

E la Pedemontina va: Chiamparino conferma 120 milioni

E la Pedemontina va: Chiamparino conferma 120 milioni

L’annuncio è arrivato durante la cena di autofinanziamento del Partito Democratico di venerdì scorso (nella foto), direttamente dal Governatore del Piemonte, Sergio Chiamparino. I soldi per la parte regionale (120 milioni di euro) della Pedemontina, il collegamento da Masserano a Ghemme, ci sono e verranno presto stanziati. Così il Biellese avrà il suo(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Una Biellese che può correre in testa

Una Biellese che può correre in testa

BIELLA - E’ della Biellese il primo big match di Eccellenza: i bianconeri hanno battuto il Verbania con un secco 3 a 0 (gol al 16' di Scavetta, al 37' e 48' Latta), maturato tutto nel secondo tempo, e si sono messi sulle tracce della capolista Arona che tira il gruppo con un solo punto di vantaggio. L’onore delle armi va comunque dato alla squadra ospite, di gran lunga la(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top