Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 26 luglio 2017
Articolo di: giovedì, 18 maggio 2017, 7:22 p.

Jolly Nero: pene dimezzate

Nel crollo della Torre Piloti di Genova morì un biellese

Uno sconto di quasi la metà della pena, rispetto a quanto aveva chiesto il pubblico ministero. Per la tragedia della Torre Piloti di Genova, il comandante della nave cargo Jolly Nero, Roberto Paoloni,  è stato condannato a 10 anni e 4 mesi (erano stati chieti 20 anni e 7 mesi), il primo ufficiale, Lorenzo Repetto, a 8 anni e 6 mesi (richiesti dieci anni e mezzo), il direttore di macchina, Franco Giammoro, a 7 anni (richiesti dieci anni e mezzo). Per tutti e tre il giudice, Silvia Carpanini, ha disposto l’interdizione dai pubblici uffici per la durata della pena. Condanna anche per il pilota del porto, Antonio Anfossi, a 4 anni e 2 mesi grazie alle attenuanti generiche (la richiesta era stata di dieci anni e sei mesi).
La compagnia Messina, proprietaria del Jolly Nero, è stata ritenuta responsabile solo dell’illecito amministrativo e condannata a pagare un milione  e 50.000 euro di sanzione. Tutti i condannati (Paoloni, Anfossi, Repetto e Giammoro) dovranno risarcire in solido i parenti delle 9 vittime per un importo di circa 6 milioni di euro.
Sono le condanne - lette ieri pomeriggio - per la tragedia della Torre Piloti del porto di Genova, abbattuta dalla nave della società Ignazio Messina il 7 maggio 2013. L’impatto con il Jolly Nero provocò 9 morti e 4 feriti. Tra le vittime c’era anche Davide Morella, 33 anni, di Biella, sottufficiale della Guardia costiera.
Il giudice ha invece assolto Giampaolo Olmetti (la richiesta era stata di 17 anni) e Cristina Vaccari, referenti della compagnia Messina.
In aula si è scatenata la rabbia dei parenti delle vittime, infuriati perché le richieste della Pubblica accusa erano state molto più pesanti. «Assassini, assassini - hanno gridato in coro - avete ucciso nove persone, non finisce qui».
Tra le parti civili compare anche l’avvocato biellese Alessandra Guarini, legale di Adele Chiello Tusa, mamma del giovane Giuseppe Tusa, il quale, smontando dal turno di guardia in ascensore, rimase intrappolato nella Torre crollata, annegando.

V.Ca.

Articolo di: giovedì, 18 maggio 2017, 7:22 p.
YOUKATA'

Rapinato distributore a Ponderano

Rapinato distributore a Ponderano

L'ha spintonata con forza e l'ha minacciata. Poi le ha rubato la borsa con l'incasso delle slot machine, del bar e del distributore, in tutto circa 25mila euro in contanti. Brutta avventura ieri sera intorno alle 20 per la benzinaia di 30 anni che da circa un anno gestisce con il marito bar e distributore di carburante "Repsol" che si affaccia lungo il Maghettone, in territorio del comune(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Al via il rifacimento delle strisce

Al via il rifacimento delle strisce

BIELLA - «Abbiamo deciso di investire 250mila euro apposta, perché non fosse una toppa messa dove c'era più urgenza ma un intervento che andasse a risolvere sistematicamente il problema». Marco Cavicchioli è tra i più soddisfatti della partenza del piano di rifacimento della segnaletica orizzontale in città. Il primo intervento è stato(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Rifugio Coda, una storia lunga 70 anni

Rifugio Coda, una storia lunga 70 anni

ALTA VALLE ELVO - Il rifugio Coda  compie settant’anni. Era il 1947 infatti, quando,  l’edificio venne costruito a 2280 metri d’altitudine, posto a mo’ spartiacque tra la Valle del Lys e la Valle dell’Elvo.  Tutto iniziò nell’estate del 1945, quando la sezione di Biella  del Cai tentò non senza difficoltà di far(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Roffino: «Cerco la strada giusta verso Tokio»

Roffino: «Cerco la strada giusta verso Tokio»

Le luci della ribalta del rinomato mezzofondo femminile biellese, nell’ultimo decennio tinto d’azzurro, in questo momento sono puntate su Valeria Roffino, 27enne, appena laureatasi campionessa italiana sulla distanza dei 5000 metri in pista, a sorpresa, perchè l’allieva di Clelia Zola veniva da due titoli consecutivi sui 3000 siepi. Erede della campionissima della(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top