Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 26 luglio 2017
Articolo di: venerdì, 19 maggio 2017, 9:59 m.

L’Alberghiero in cucina coi migranti

Il frutto del lavoro comune sulla tavola della mensa della Caritas

BIELLA - Entrare in una cucina professionale è sempre interessante. Quella della mensa “Il pane quotidiano” di Caritas per qualcuno anche di più. Perché lì, tra i fornelli, a volte si alternano chef e apprendisti particolari: sono gli studenti dell’Iis “Gae Aulenti”, ramo Alberghiero, e alcuni richiedenti asilo che si trovano sul territorio.

Il corso di cucina in questione è cominciato a febbraio e si appresta a volgere al termine, in concomitanza con la fine dell’anno scolastico. Gli allievi dell’Alberghiero hanno, infatti, “prestato” le competenze che stanno acquisendo durante il loro ciclo di studi per dare avvio a un progetto che serve loro da tassello all’interno del piano dell’alternanza scuola-lavoro e, al contempo, che è legato a un’iniziativa “professionalizzante” proposta alla scuola da Sprar e Cas, gestiti dalle cooperative “Tantintintenti” e “Maria Cecilia”. Obiettivo: inserire nel tessuto sociale i profughi e consentire questa integrazione, permettendo loro di imparare le basi di un mestiere. A fare da intermediario, il consorzio “Il filo da tessere”, presieduto da Enrico Pesce, che annovera nel gruppo l’associazione “La rete”, cui è affidata la gestione della mensa Caritas.

Due gruppi di studenti da dieci persone si sono alternati, in questi mesi, nelle lezioni in cucina, che sono state anticipate da una preparazione fornita dai docenti dell’istituto, Alfio Gangarossa, Andrea Botalla e Alberto Peveraro. Nove, invece, gli allievi coinvolti, due dei quali sono ragazze. Hanno un’età compresa tra i 18 e i 29 anni e alloggiano in diverse parti del Biellese. Sono pakistani, nigeriani, senegalesi o vengono dal Gambia o dalla Siria. Due di loro, tramite il Servizio al lavoro al quale sono stati avviati da “Il filo da tessere”, sono passati a un tirocinio in altri contesti lavorativi.

Un totale di trenta lezioni accompagnate, però, da un avvicinamento alla tradizione culinaria italiana che porta i richiedenti asilo al supermercato. «Gli studenti preparano il menù, che viene visionato dai docenti - spiegano da “Il filo da tessere” - La lista degli ingredienti viene consegnata agli operatori Sprar, per la spesa al supermercato. La creazione dei piatti in cucina, poi, avviene sotto la supervisione degli studenti, oltreché di un operatore de “La rete” e di uno dello Sprar. E così la pulizia finale dei locali».

Soddisfatto anche il preside, Cesare Molinari: «Crediamo in questo progetto, perché offre ai nostri allievi la possibilità di prendere consapevolezza dell’argomento “immigrazione”, attraverso una cittadinanza partecipata e consapevole. Si tratta, poi, di un trasferimento di nozioni di base che può consentire ai destinatari del corso di proporsi come aiutanti di cucina, mansione nella quale raramente si inseriscono i nostri allievi».

Giovanna Boglietti

Articolo di: venerdì, 19 maggio 2017, 9:59 m.
YOUKATA'

Al via il rifacimento delle strisce

Al via il rifacimento delle strisce

BIELLA - «Abbiamo deciso di investire 250mila euro apposta, perché non fosse una toppa messa dove c'era più urgenza ma un intervento che andasse a risolvere sistematicamente il problema». Marco Cavicchioli è tra i più soddisfatti della partenza del piano di rifacimento della segnaletica orizzontale in città. Il primo intervento è stato(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Rifugio Coda, una storia lunga 70 anni

Rifugio Coda, una storia lunga 70 anni

ALTA VALLE ELVO - Il rifugio Coda  compie settant’anni. Era il 1947 infatti, quando,  l’edificio venne costruito a 2280 metri d’altitudine, posto a mo’ spartiacque tra la Valle del Lys e la Valle dell’Elvo.  Tutto iniziò nell’estate del 1945, quando la sezione di Biella  del Cai tentò non senza difficoltà di far(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Rapinato distributore a Ponderano

Rapinato distributore a Ponderano

L'ha spintonata con forza e l'ha minacciata. Poi le ha rubato la borsa con l'incasso delle slot machine, del bar e del distributore, in tutto circa 25mila euro in contanti. Brutta avventura ieri sera intorno alle 20 per la benzinaia di 30 anni che da circa un anno gestisce con il marito bar e distributore di carburante "Repsol" che si affaccia lungo il Maghettone, in territorio del comune(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Roffino: «Cerco la strada giusta verso Tokio»

Roffino: «Cerco la strada giusta verso Tokio»

Le luci della ribalta del rinomato mezzofondo femminile biellese, nell’ultimo decennio tinto d’azzurro, in questo momento sono puntate su Valeria Roffino, 27enne, appena laureatasi campionessa italiana sulla distanza dei 5000 metri in pista, a sorpresa, perchè l’allieva di Clelia Zola veniva da due titoli consecutivi sui 3000 siepi. Erede della campionissima della(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top