Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 22 ottobre 2017
Articolo di: giovedì, 21 settembre 2017, 11:52 m.

La Burcina torna a splendere e sogna l’Unesco

Il giardino dei biellesi sta ritrovando la sua antica bellezza

BIELLA - I miracoli a volte accadono. A poco a poco, sotto gli occhi increduli (e sempre un po’ scettici) dei biellesi, la Burcina - ufficialmente ‘Parco Felice Piacenza’, giardino storico di grande valore botanico e paesaggistico - sta ritrovando la sua antica bellezza, ultimamente alquanto appannata. 
Solo un anno fa, pochi ci avrebbero scommesso. Da anni - in particolare da quando, inserito in un Ente di gestione regionale, aveva perso la sua autonomia - il parco stava vivendo un progressivo declino che, tra il 2013 e il 2014, aveva raggiunto un livello di vero e proprio degrado. Sotto la pressione dei mass media, si era attivato un intervento di emergenza (in gran parte finanziato da Fondazione Crb), ma la situazione era gravemente compromessa e pareva difficilmente recuperabile. Quando, a inizio 2016, la Burcina è stata inglobata in un nuovo super-ente che gestisce ben 14 aree protette del Piemonte nord-orientale, si è temuto il peggio: se gli amministratori biellesi non erano stati in grado di conservare questa preziosa risorsa, si temeva che, spostando il baricentro della sua gestione in una realtà lontana - a partire dal nome, ‘Ente di gestione delle aree protette del Ticino e del Lago Maggiore’ - dal nostro territorio, la situazione potesse ulteriormente peggiorare. Invece, proprio il temuto cambio di governance ha impresso una svolta insperata nella vita del parco. E’ infatti accaduto che, tra gli amministratori del nuovo ente di gestione, sia stato nominato Alessandro Ramella Pralungo, florovivaista di Pollone, un autentico fan della Burcina, come lui stesso si definisce: «A me qua il sangue bolle… si può dire che la Burcina ce l’ho nel sangue: basti pensare che mio bisnonno Pietro stava alla Cascina Armonica, che poi fu venduta a Giovanni Piacenza, e dove adesso c’è ancora mio cugino Gianfranco che porta su le mucche. E poi sono ‘figlio d’arte’, visto che già mio padre era nel Comitato Scientifico del parco».
In sintesi con nuove risorse a disposizione è iniziata l’opera di recupero del parco che ora appare pulito e ordinato e le zone più importanti - la Conca dei Rododendri, la zona delle ortensie, la vetta e la torre, il lariceto, i dintorni del laghetto - hanno ripreso, una dopo l’altra, la loro fisionomia originaria. E, soprattutto, c’è il sogno di Ramella: «Il progetto più importante a cui sto lavorando, quello che spero di riuscire a portare a termine durante il mio mandato di amministratore, è quello di inserire la Burcina nel Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco: perché questa è un’aula didattica a cielo aperto di 57 ettari, che ospita - oltre alla Conca dei Rododendri - un intero catalogo di essenze rare e pregiate: caratteristiche pienamente in sintonia con gli obiettivi del World Heritage».  

Simona Perolo

Leggi di più sull'Eco di Biella in edicola

Articolo di: giovedì, 21 settembre 2017, 11:52 m.
YOUKATA'

#CastagnoPiemonte, al via il progetto per il rilancio del settore

#CastagnoPiemonte, al via il progetto per il rilancio del settore

La Fiera del Marrone di Cuneo ha rilanciato il ruolo della filiera del castagno, grazie al lavoro che in particolare sta svolgendo il Centro regionale di Castanicoltura, voluto dalla Regione Piemonte, nel quale converge l'impegno di Ipla, Dipartimento di Scienze Agrarie e Forestali dell'Università di Torino, Uncem, Unioni montane di Comuni, Associazione Città del Castagno,(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Misure antismog, giro di vite anche a Biella

Misure antismog, giro di vite anche a Biella

E’ arrivato il primo pacchetto di misure antismog a firma giunta regionale del Piemonte, dopo l’accordo sottoscritto il 9 giugno scorso con Emilia Romagna, Lombardia, Veneto e Ministero dell’Ambiente. La misura più rilevante è l’adozione del “semaforo”, comune a tutte le aree interessate, per l’individuazione e la gestione del perdurante(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Travolge un giovane con l'auto, poi scappa

Travolge un giovane con l'auto, poi scappa

Ha travolto un giovane con l'auto, poi, invece di fermarsi e prestargli soccorso, ha proseguito il senso di marcia e si è allontanato. E' stato rintracciato l'automobilista pirata che, venerdì mattina, si è reso responsabile dei reati di fuga e omissione di soccorso. Le condizioni del giovane investito non sono gravi: ha riportato la slogatura di un polso. E' successo(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Calcio Eccellenza, La Biellese tracolla: addio Coppa

Calcio Eccellenza, La Biellese tracolla: addio Coppa

Si complica il viaggio della Biellese in Coppa Italia. La Pro Dronero si dimostra più convinta di voler passare il turno e inguaia i bianconeri espugnando il Pozzo con un pirotecnico 4 a 2. Avvio di partita equilibrato, primo brivido per i tifosi bianconeri al quarto d’ora quando Isoardi spreca da due passi una ghiotta occasione. Pronta risposta della Biellese cinque minuti(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top