Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì e giovedì

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 24 febbraio 2018
Articolo di: martedì, 13 febbraio 2018, 9:43 m.

La lezione Il direttore artistico Zegna: «Ragazzi, sperimentate!»

«Non solo stilisti, c’è bisogno di sarti, esperti di tessuti...»

MILANO -  «Se non avessi scelto e avuto l’opportunità di fare lo stilista, avrei fatto il sarto, come mia mamma». Come dire che anche quel mestiere, ricco di manualità e “saper fare”, non è da disprezzare, anzi: non avrà la ricaduta d’immagine di un creativo che firma collezioni da passerella, ma le soddisfazioni non mancano. Un messaggio semplice e chiaro quello di Alessandro Sartori, 51 anni, biellese, direttore artistico di Ermenegildo Zegna, agli 800 studenti delle scuole di  moda italiane (Biella compresa, presente con un paio di classi) radunati giovedì mattina nell’auditorium di Rho Fiera  da Milano Unica per l’appuntamento  del progetto “Back to School”,  lodato con forza dal presidente di MU Ercole Botto Poala come opportunità per le giovani generazioni. E i ragazzi si sono confrontati «con l’eccitante ‘filosofia’ stilistica di Sartori» (così l’ha definita Botto Poala) in un momento di dialogo fitto fra il designer e l’editorialista di moda Simone Marchetti in un duetto che è stato ascoltato il religioso silenzio per quasi un paio d’ore.
Dopo essere stato direttore artistico di Z Zegna, la linea giovanile dell’azienda, da quando venne lanciata nel 2003 fino al 2011, Alessandro Sartori, è tornato in Ermenegildo Zegna, come  direttore artistico, dalla primavera 2016, mentre nel quinquennio precedente aveva rilanciato  Berluti (gruppo Lvmh) che, sotto la sua guida creativa, aveva più che triplicato  il fatturato passato da 30 a 100 milioni di euro.
Interrogato da Marchetti, Sartori ha raccontato ai giovani le sue origini sartoriali: «Conservo ancora il primo abito che ho tagliato, cucito e finito da solo: comprai il tessuto dai Botto e ci misi sei mesi a realizzarlo». Ed ha aggiunto: «Ragazzi non focalizzatevi solo sul mestiere del designer, un capo finito per essere tale passa fra le mani di 250 persone con professionalità diverse e tutte dignitose ed altrettanto importanti». Il ragionamento è stato accompagnato da una richiesta di Marchetti all’uditorio: quanti in sala vogliono fare lo stilista, il cartomodellista, il comunicatore di moda, il sarto, l’esperto di tessuti...? Con sorpresa le alzate di mano sono state equamente divise fra le singole professioni.
Mentre lo scorso anno Paul Smith aveva affabulato i giovani con il suo “mood” inglese, Sartori si è imposto con il suo stile pacato e gentile, pronto alla battuta e allo scherzo, interprete di un’umanità che supera il glamour del ruolo di stilista ormai di successo.
E, poi, via alle domande. Come muoversi per diventare disegnatore linee di alto livello? «Non cercate subito la vostra collezione: potreste restare delusi - ha detto Sartori -: andate piuttosto a fare esperienze diverse nel settore. Verrà poi il tempo di poter esprimere la vostra personalità al meglio». Ma qual’è l’età giusta per decollare? «Non c’è un’età giusta. Giorgio Armani ha iniziato a 40 anni. L’età giusta è quando uno è pronto per fare il salto o per provarci...». Applausi e sorrisi. Un evento che Milano Unica ripeterà per un’attenzione ai giovani sottolineata dal direttore Massimo Mosiello, attenzione che non manca anche da parte di saloni collaudati come Première Vision che punta sulle creazioni più originali, innovative e responsabili dei tessitori  premiandole con i PV Awards o pro muove nell’ambito del Festival internazionale della moda e della fotografia di Hyères  i giovani creatori di moda con un  Gran Premio della giuria Première Vision da 15 mila euro.
Roberto Azzoni

Articolo di: martedì, 13 febbraio 2018, 9:43 m.

Dormitorio, altri 25 posti al Belletti Bona

Dormitorio, altri 25 posti al Belletti Bona

BIELLA - Dopo tanta attesa è stato finalmente pubblicato il bando inerente la riqualificazione dello stabile comunale in via Belletti Bona per l’attivazione del servizio di accoglienza. Dunque l’ampliamento del dormitorio, così come promesso nei mesi scorsi, diventerà realtà. Il progetto definitivo ed esecutivo era stato approvato dalla giunta(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Dopo il premio Attila, lavori al via a Vigliano

Dopo il premio Attila, lavori al via a Vigliano

VIGLIANO BIELLESE -  Sono iniziati i lavori per sistemare l’area lungo la via Milano dove il Comune ha deciso di togliere i pini marittimi, scatenando  la reazione di Legambiente  che ha assegnato al Comune il “Premio Attila”.  Radici invadenti. Gli alberi, nel tempo, con le loro radici avevano alterato notevolmente il sedime stradale, sollevandolo(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Scontro con dei cinghiali

Scontro con dei cinghiali

Incontro ravvicinato con un gruppo di cinghiali da parte di un automobilista di Biella l'altra sera intorno alle 19 lungo la strada del Maghettone, nei pressi del bivio per Ponderano. Numerosi cinghiali di varie dimensioni hanno attraversato la strada proprio in quel momento e l'automobilista ha investito in pieno il gruppo. Gli animali si sono allontanati mentre l'auto, una Fiat 500,(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Edilnol Rugby, contro il Lecco vittoria di misura

Edilnol Rugby, contro il Lecco vittoria di misura

BASKET SERIE A2 OVEST - Niente da fare, Siena resta un campo tabù. L’Eurotrend si fa maltrattare (90-75), non dando mai l’impressione di poter impensierire i toscani. Nel finale arriva anche l’espulsione di Ferguson a causa di un doppio fallo tecnico. Deluso coach Michele Carrea: "Prestazione poco seria". Biella resta seconda. RUGBY SERIE B - Quel che certo,(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top