Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 26 luglio 2017
Articolo di: lunedì, 10 luglio 2017, 9:36 m.

L'addio a Roberto Mancin nella chiesa di Crocemosso

Il benzinaio morto a Pray in un incidente in moto

VALLE MOSSO - Si svolgerà domani pomeriggio alle 15 nella chiesa di Crocemosso, il funerale di Roberto Mancin, 69 anni, titolare con i figli della stazione di servizio Q8 di piazza Chiesa, morto sul colpo venerdì pomeriggio per le ferite riportate in un incidente stradale avvenuto lungo la Provinciale destra Sessera che collega Pray a Coggiola, all’altezza dell’ecocentro di località Nuova York. Il benzinaio, conosciuto e stimato in tutta la valle, viaggiava in sella ad una moto Honda 750 che - per cause al vaglio dei carabinieri - si è scontrata frontalmente con una Fiat Punto proveniente dall’opposta direzione di marcia, condotta da un pensionato di 67 anni che abita a Borgosesia. Si parla di un sorpasso azzardato da parte del motociclista. Ma in circostanze tragiche come questa, il condizionale appare d’obbligo.
«E’ una notizia che ha lasciato tutti senza parole - spiega il sindaco di Valle Mosso, Cristina Sasso -. Mancin era una vera istituzione per tutti noi...».
Per Gian Matteo Passuello, sindaco di Pray Biellese, «Roberto Mancin era una gran brava persona e un lavoratore instancabile...». Persona conosciuta e stimata in tutta la valle, Roberto Mancin era sposato con Rita Garbaccio ed era padre di due figli, Paola e Manuele. Da una vita gestiva la stazione di servizio che comprendeva anche il gommista e un’officina meccanica: un’attività che aveva sviluppato negli anni, alla quale erano subentrati i figli. Domani pomeriggio, la salma (del funerale se n’è occupata la “imprese funebri riunite Strobino e Irof”) arriverà in chiesa alle 15.

V.Ca.

Articolo di: lunedì, 10 luglio 2017, 9:36 m.
YOUKATA'

Rapinato distributore a Ponderano

Rapinato distributore a Ponderano

L'ha spintonata con forza e l'ha minacciata. Poi le ha rubato la borsa con l'incasso delle slot machine, del bar e del distributore, in tutto circa 25mila euro in contanti. Brutta avventura ieri sera intorno alle 20 per la benzinaia di 30 anni che da circa un anno gestisce con il marito bar e distributore di carburante "Repsol" che si affaccia lungo il Maghettone, in territorio del comune(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Al via il rifacimento delle strisce

Al via il rifacimento delle strisce

BIELLA - «Abbiamo deciso di investire 250mila euro apposta, perché non fosse una toppa messa dove c'era più urgenza ma un intervento che andasse a risolvere sistematicamente il problema». Marco Cavicchioli è tra i più soddisfatti della partenza del piano di rifacimento della segnaletica orizzontale in città. Il primo intervento è stato(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Rifugio Coda, una storia lunga 70 anni

Rifugio Coda, una storia lunga 70 anni

ALTA VALLE ELVO - Il rifugio Coda  compie settant’anni. Era il 1947 infatti, quando,  l’edificio venne costruito a 2280 metri d’altitudine, posto a mo’ spartiacque tra la Valle del Lys e la Valle dell’Elvo.  Tutto iniziò nell’estate del 1945, quando la sezione di Biella  del Cai tentò non senza difficoltà di far(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Roffino: «Cerco la strada giusta verso Tokio»

Roffino: «Cerco la strada giusta verso Tokio»

Le luci della ribalta del rinomato mezzofondo femminile biellese, nell’ultimo decennio tinto d’azzurro, in questo momento sono puntate su Valeria Roffino, 27enne, appena laureatasi campionessa italiana sulla distanza dei 5000 metri in pista, a sorpresa, perchè l’allieva di Clelia Zola veniva da due titoli consecutivi sui 3000 siepi. Erede della campionissima della(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top