Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 23 novembre 2017
Articolo di: mercoledì, 08 novembre 2017, 11:06 m.

Luminarie, dietrofront dei commercianti

Ascom investirà 40mila euro, ma molti non pagheranno

BIELLA - Tempi duri per Ascom, l’associazione commercianti di Biella che, dopo essersi fatta carico della posa delle luminarie di Natale in centro città, ora si trova a fare i conti con il voltafaccia dei commercianti. Alcuni dei negozianti che prima avevano dato la propria adesione al progetto,  quando è venuto il momento di mettere mano al portafogli, ci hanno ripensato. E ora Ascom si trova in difficoltà.

A porre fine al  braccio di ferro tra Ascom e Confesercenti (entrambe le associazioni volevano occuparsi della posa delle luminarie, ndr) era stato l’assessore comunale Stefano La Malfa, che aveva incaricato dell’operazione l’associazione presieduta da Novaretti. La Malfa aveva scelto Ascom invece di  Confesercenti perché la proposta di Novaretti non prevedeva necessariamente un sostegno  economico del Comune.

Il progetto di illuminazione natalizia di Ascom è ambizioso: Novaretti farà illuminare tutta via Italia da Riva all’Esselunga, via Vescovado e via San Filippo. Inoltre regalerà illuminazione permanente ai giardini Zumaglini e al ponte della Torrazza. Un’operazione che costerà alle casse dell’associazione circa 40mila euro, che Ascom contava di raccogliere, almeno in parte, dai commercianti, chiedendo ad ogni negoziante un piccolo contributo di 100 euro, somma  poi completamente detraibile dalle tasse. «Quando abbiamo chiesto ai commercianti la disponibilità a contribuire - spiega amareggiato Novaretti - non abbiamo fatto firmare loro alcuna dichiarazione. Ora in molti si sono tirati indietro, credo davvero che non sia un bel modo di comportarsi».

Shama Ciocchetti

Articolo di: mercoledì, 08 novembre 2017, 11:06 m.
YOUKATA'

Malore? No, stava dormendo

Malore? No, stava dormendo

Hanno temuto che un uomo si fosse sentito male lungo la strada poco prima dell'abitato di Pray Biellese, all'altezza di un'autoscuola. L'uomo che si trovava al posto di guida di una Citroen C3, non stava in realtà male, si era solo appisolato in quanto parecchio stanco. Per precauzione i carabinieri hanno comunque effettuato un controllo.

continua »

Altre notizie di questa categoria »

In via Ogliaro spunta il limite dei 30 chilometri orari

In via Ogliaro spunta il limite dei 30 chilometri orari

BIELLA - Da lunedì mattina, in via Ogliaro, è comparso un rilevatore di velocità, poco prima della curva, scendendo da Andorno Micca, che porta poi al rettilineo dove, da alcuni giorni, è stato realizzato un altro dosso a protezione di un attraversamento pedonale. La sostanziale novità, però, non è tanto l’indicatore della(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

«Nel Quadrante è emergenza discariche»

«Nel Quadrante è emergenza discariche»

CAVAGLIÀ - «L’annunciata chiusura della discarica di Barengo e l’impossibilità di potenziare, per ora, il polo di Cavaglià preoccupano i rappresentanti degli enti preposti alla raccolta, al trattamento e allo smaltimento dei rifiuti nel quadrante nord della regione. La situazione assumerà presto i connotati dell’emergenza, anche in relazione al fatto che il(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Basket, Eurotrend conquista Agrigento: è seconda

Basket, Eurotrend conquista Agrigento: è seconda

Tre partite in sette giorni, complice un anticipo che la farà riposare domenica: l’Eurotrend fa filotto e vince anche ad Agrigento (74-82), dominando per tre quarti, sentendo la fatica nell’ultimo quarto, in cui Ferguson (30) ha tenuto a bada la rimonta siciliana. Nel calcio, altro pareggio de La Biellese.  Leggi tutto lo sport sull'Eco di Biella in edicola (...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top