Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì e giovedì

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 19 febbraio 2018
Articolo di: mercoledì, 08 novembre 2017, 11:06 m.

Luminarie, dietrofront dei commercianti

Ascom investirà 40mila euro, ma molti non pagheranno

BIELLA - Tempi duri per Ascom, l’associazione commercianti di Biella che, dopo essersi fatta carico della posa delle luminarie di Natale in centro città, ora si trova a fare i conti con il voltafaccia dei commercianti. Alcuni dei negozianti che prima avevano dato la propria adesione al progetto,  quando è venuto il momento di mettere mano al portafogli, ci hanno ripensato. E ora Ascom si trova in difficoltà.

A porre fine al  braccio di ferro tra Ascom e Confesercenti (entrambe le associazioni volevano occuparsi della posa delle luminarie, ndr) era stato l’assessore comunale Stefano La Malfa, che aveva incaricato dell’operazione l’associazione presieduta da Novaretti. La Malfa aveva scelto Ascom invece di  Confesercenti perché la proposta di Novaretti non prevedeva necessariamente un sostegno  economico del Comune.

Il progetto di illuminazione natalizia di Ascom è ambizioso: Novaretti farà illuminare tutta via Italia da Riva all’Esselunga, via Vescovado e via San Filippo. Inoltre regalerà illuminazione permanente ai giardini Zumaglini e al ponte della Torrazza. Un’operazione che costerà alle casse dell’associazione circa 40mila euro, che Ascom contava di raccogliere, almeno in parte, dai commercianti, chiedendo ad ogni negoziante un piccolo contributo di 100 euro, somma  poi completamente detraibile dalle tasse. «Quando abbiamo chiesto ai commercianti la disponibilità a contribuire - spiega amareggiato Novaretti - non abbiamo fatto firmare loro alcuna dichiarazione. Ora in molti si sono tirati indietro, credo davvero che non sia un bel modo di comportarsi».

Shama Ciocchetti

Articolo di: mercoledì, 08 novembre 2017, 11:06 m.

Processato due volte per lo stesso reato

Processato due volte per lo stesso reato

Il reato di cui si era macchiato era senz’altro tra i più disonorevoli nell’immaginario collettivo, quello di atti persecutori, meglio noto come stalking. Non poteva però essere processato due volte per lo stesso reato. Il giudice, Paola Rava, ha alla fine accolto la tesi del difensore, avvocato Andrea Conz, e ha disposto nei confronti dell’imputato il non(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Fotoclub: in arrivo il corso da sette lezioni

Fotoclub: in arrivo il corso da sette lezioni

Giovedì 1° marzo  prenderà il via il 26° corso di Fotografia organizzato dal Fotoclub Biella e certificato FIAF, che si articolerà in 7 lezioni teoriche, 4 workshops e 2 due serate dedicate alla visualizzazione delle immagini acquisite.  Il corso proposto dal Fotoclub risulta sia un ottimo punto di partenza per affacciarsi sul mondo della fotografia(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Dopo il premio Attila, lavori al via a Vigliano

Dopo il premio Attila, lavori al via a Vigliano

VIGLIANO BIELLESE -  Sono iniziati i lavori per sistemare l’area lungo la via Milano dove il Comune ha deciso di togliere i pini marittimi, scatenando  la reazione di Legambiente  che ha assegnato al Comune il “Premio Attila”.  Radici invadenti. Gli alberi, nel tempo, con le loro radici avevano alterato notevolmente il sedime stradale, sollevandolo(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top