Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 26 luglio 2017
Articolo di: sabato, 15 luglio 2017, 9:00 m.

Maxi rissa notturna sedata sul nascere

Sette coinvolti davanti a un bar del centro di Biella

BIELLA - Ha rischiato di finire veramente male un’accesa discussione in un bar del centro di Biella. Per fortuna, grazie all’intervento di un graduato della Polizia penitenziaria prima e di polizia e carabinieri poi, tutto è finito per il meglio, con tante scintille ma nessuna fiammata. Sono volati paroloni ad effetto, minacce anche pesanti. Ma di violenza fisica, per fortuna, non ce n’è stata.

Sarà il caldo di questi giorni, sarà la situazione economica disastrosa o forse la sola e nota vena litigiosa dei biellesi. Fatto sta che negli ultimi giorni si stanno registrando sempre più liti di ogni genere, da quelle familiari (l’altro giorno se ne sono contate ben sei con intervento provvidenziale dei carabinieri) a quelle dovute a qualche bicchiere di troppo oppure per beghe a volte veramente banali tra vicini o nei locali. Giovedì, poco prima di mezzanotte, una rissa di notevoli proporzioni è stata per fortuna solo sfiorata davanti al Bar Memory di via Trento. Poteva finire male dopo che un gruppo composto da sette persone di diverse nazionalità tra italiani, magrebini e rumeni, ha iniziato un’accesa discussione che è sfociata in spintoni e termini pesanti ancora all’interno del locale. Il litigio, scoppiato come capita il più delle volte per motivi banali, è quindi proseguita all’esterno del bar con i toni che si sono fatti sempre più accesi.
E' stato il fato a volere che proprio in quel momento passasse da quelle parti un assistente capo della Polizia penitenziaria, in servizio al Nucleo operativo di Biella. E’ stato lui a farsi avanti mostrando il tesserino a tutti, a dividere i più facinorosi e a ordinare ai peggiori di interrompere il litigio e di non muoversi. Nel contempo ha chiesto a tutti i documenti d’identità e ha chiesto l’ausilio, telefonando al numero d’emergenza “112”, di polizia e carabinieri che in una manciata di minuti sono confluiti in via Trento con una volante e una “gazzella”. Tutti i presenti sono stati identificati e riportati alla calma. Per fortuna l’intervento casuale del componente della Polpenitenziaria, ha evitato che qualcuno potesse farsi sul serio male.
V.Ca.

Articolo di: sabato, 15 luglio 2017, 9:00 m.
YOUKATA'

Rapinato distributore a Ponderano

Rapinato distributore a Ponderano

L'ha spintonata con forza e l'ha minacciata. Poi le ha rubato la borsa con l'incasso delle slot machine, del bar e del distributore, in tutto circa 25mila euro in contanti. Brutta avventura ieri sera intorno alle 20 per la benzinaia di 30 anni che da circa un anno gestisce con il marito bar e distributore di carburante "Repsol" che si affaccia lungo il Maghettone, in territorio del comune(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Al via il rifacimento delle strisce

Al via il rifacimento delle strisce

BIELLA - «Abbiamo deciso di investire 250mila euro apposta, perché non fosse una toppa messa dove c'era più urgenza ma un intervento che andasse a risolvere sistematicamente il problema». Marco Cavicchioli è tra i più soddisfatti della partenza del piano di rifacimento della segnaletica orizzontale in città. Il primo intervento è stato(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Rifugio Coda, una storia lunga 70 anni

Rifugio Coda, una storia lunga 70 anni

ALTA VALLE ELVO - Il rifugio Coda  compie settant’anni. Era il 1947 infatti, quando,  l’edificio venne costruito a 2280 metri d’altitudine, posto a mo’ spartiacque tra la Valle del Lys e la Valle dell’Elvo.  Tutto iniziò nell’estate del 1945, quando la sezione di Biella  del Cai tentò non senza difficoltà di far(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Roffino: «Cerco la strada giusta verso Tokio»

Roffino: «Cerco la strada giusta verso Tokio»

Le luci della ribalta del rinomato mezzofondo femminile biellese, nell’ultimo decennio tinto d’azzurro, in questo momento sono puntate su Valeria Roffino, 27enne, appena laureatasi campionessa italiana sulla distanza dei 5000 metri in pista, a sorpresa, perchè l’allieva di Clelia Zola veniva da due titoli consecutivi sui 3000 siepi. Erede della campionissima della(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top