Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 26 maggio 2017
Articolo di: lunedì, 20 marzo 2017, 12:20 p.

Quei migranti “usati” come manovali nell’ex hotel Coggiola

Sono gli ospiti dell’ex Colibrì

La vicenda è stata sollevata da “Il Giornale” e riguarda da vicino il Biellese. E’ una storia di accoglienza e utilizzo dei migranti per sistemare un nuovo centro, sempre gestito dalla stessa cooperativa che, a partire da aprile, potrebbe andare ad accogliere altri richiedenti asilo. Si tratta degli ospiti dell’ex hotel Colibrì, gestiti dalla coop vercellese Versoprobo che, a quanto testimoniato dal quotidiano, sarebbero stati impiegati per la sistemazione dei locali di un altro storico hotel della città, il Coggiola di via Cottolengo, candidato ad ospitare altri migranti. Un lungo video (nell'immagine un frame), pubblicato sul sito de “Il Giornale”, spiega quanto accaduto. Alcuni ospiti dell’ex Colibrì sono stati utilizzati per lavori all’interno del Coggiola, senza avere alcun contratto. I responsabili della cooperativa, interpellati dal giornalista de “Il Giornale” hanno spiegato che il lavoro era stato fatto in forma volontaria. Cosa che, però, cozzerebbe con le normative che regolamentano il lavoro. I migranti sono stati impiegati per scaricare mattonelle e per ripulire l’ex Coggiola, senza regolare contratto di lavoro. Insomma, una vicenda che fa parecchio discutere.  
«La questione che sta emergendo - sottolineano il consigliere comunale Giacomo Moscarola e Michele Mosca di Lega Nord - ha dell’incredibile e del vergognoso. Una coop sociale che gestisce il centro d’accoglienza all’ex hotel Colibrì pare, secondo quanto riportato da alcuni mezzi di informazione, utilizzi i richiedenti asilo per svolgere lavori edili al fine di sistemare l’ex hotel Coggiola per poter aprire un’altra struttura di accoglienza. Senza entrare nel merito della legalità di tale operazione, ci dobbiamo porre come minimo la questione della moralità: questa cooperativa utilizza di fatto persone mantenute dalla collettività per svolgere gratuitamente lavori all’interno della loro proprietà privata. Da sempre sosteniamo che i richiedenti asilo debbano svolgere dei lavori per restituire almeno in parte quanto la collettività spende per la loro accoglienza ma non certo in questo modo. Lega Nord intende lo svolgimento di lavori socialmente utili come la pulizia dei giardini o piccoli lavoretti utili a vantaggio della comunità, non certo lavori edili per permettere alla cooperativa stessa di utilizzare manodopera a costo zero per lavori atti ad incrementare i loro affari». 
Enzo Panelli 

Leggi di più sull'Eco di Biella di lunedì 20 marzo 2017

Articolo di: lunedì, 20 marzo 2017, 12:20 p.
YOUKATA'

La sicurezza “spacca” il Consiglio comunale

La sicurezza “spacca” il Consiglio comunale

BIELLA - Un consiglio comunale, quello di martedì scorso, che non proponeva grossi temi di scontro, tanto che sia la delibera sulla rinegoziazione dei mutui, sia quella dell’affidamento a Enerbit di tremila punti luce per la sostituzione delle lampade con i led, sono passate anche con i voti della minoranza. I problemi sono invece nati dalle mozioni. In particolare quella(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Un aiuto dai migranti per riaprire il rifugio

Un aiuto dai migranti per riaprire il rifugio

COGGIOLA - Il rifugio Monte Barone all’alpe Ponasca, amatissimo punto di ritrovo per gli amanti della montagna, valsesserini e non solo, si prepara a riaprire le sue porte. E lo fa con una grande novità: il nuovo look che i lavori di miglioramento funzionale e strutturale promossi dal Cai Valsessera, titolare dei locali, gli hanno conferito. Un inverno di lavori, ed ecco ora(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

La casa di riposo di Andorno Micca resta senz’acqua

La casa di riposo di Andorno Micca resta senz’acqua

ANDORNO MICCA - Sono dovuti intervenire i Vigili del fuoco, lunedì mattina e persino ieri nel primo pomeriggio, ad Andorno Micca, per portare l’acqua, grazie alle autocisterne, alla casa di riposo del paese, rimasta all’asciutto dalle prime ore di entrambe le giornate.  E’ scattato subito l’allarme, con la richiesta di intervento inoltrata al sindaco(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Giro d'Italia nel Biellese, in 200mila a tifare in strada

Giro d'Italia nel Biellese, in 200mila a tifare in strada

BIELLA - Duecentomila persone tra Biella e Valdengo per le due tappe del Giro d’Italia che ha visto la nostra provincia protagonista. Duecentomila animi pulsanti che hanno incendiato una delle più belle tappe sino ad ora corse in questo Giro del centenario (quella con arrivo a Oropa) e che poi hanno voluto salutare la carovana rosa a Valdengo. Una vetrina straordinaria per il nostro(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top