Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 25 luglio 2017
Articolo di: lunedì, 20 marzo 2017, 12:20 p.

Quei migranti “usati” come manovali nell’ex hotel Coggiola

Sono gli ospiti dell’ex Colibrì

La vicenda è stata sollevata da “Il Giornale” e riguarda da vicino il Biellese. E’ una storia di accoglienza e utilizzo dei migranti per sistemare un nuovo centro, sempre gestito dalla stessa cooperativa che, a partire da aprile, potrebbe andare ad accogliere altri richiedenti asilo. Si tratta degli ospiti dell’ex hotel Colibrì, gestiti dalla coop vercellese Versoprobo che, a quanto testimoniato dal quotidiano, sarebbero stati impiegati per la sistemazione dei locali di un altro storico hotel della città, il Coggiola di via Cottolengo, candidato ad ospitare altri migranti. Un lungo video (nell'immagine un frame), pubblicato sul sito de “Il Giornale”, spiega quanto accaduto. Alcuni ospiti dell’ex Colibrì sono stati utilizzati per lavori all’interno del Coggiola, senza avere alcun contratto. I responsabili della cooperativa, interpellati dal giornalista de “Il Giornale” hanno spiegato che il lavoro era stato fatto in forma volontaria. Cosa che, però, cozzerebbe con le normative che regolamentano il lavoro. I migranti sono stati impiegati per scaricare mattonelle e per ripulire l’ex Coggiola, senza regolare contratto di lavoro. Insomma, una vicenda che fa parecchio discutere.  
«La questione che sta emergendo - sottolineano il consigliere comunale Giacomo Moscarola e Michele Mosca di Lega Nord - ha dell’incredibile e del vergognoso. Una coop sociale che gestisce il centro d’accoglienza all’ex hotel Colibrì pare, secondo quanto riportato da alcuni mezzi di informazione, utilizzi i richiedenti asilo per svolgere lavori edili al fine di sistemare l’ex hotel Coggiola per poter aprire un’altra struttura di accoglienza. Senza entrare nel merito della legalità di tale operazione, ci dobbiamo porre come minimo la questione della moralità: questa cooperativa utilizza di fatto persone mantenute dalla collettività per svolgere gratuitamente lavori all’interno della loro proprietà privata. Da sempre sosteniamo che i richiedenti asilo debbano svolgere dei lavori per restituire almeno in parte quanto la collettività spende per la loro accoglienza ma non certo in questo modo. Lega Nord intende lo svolgimento di lavori socialmente utili come la pulizia dei giardini o piccoli lavoretti utili a vantaggio della comunità, non certo lavori edili per permettere alla cooperativa stessa di utilizzare manodopera a costo zero per lavori atti ad incrementare i loro affari». 
Enzo Panelli 

Leggi di più sull'Eco di Biella di lunedì 20 marzo 2017

Articolo di: lunedì, 20 marzo 2017, 12:20 p.
YOUKATA'

Asfaltature a Biella, ecco il piano dell’estate

Asfaltature a Biella, ecco il piano dell’estate

BIELLA - Riprende lunedì prossimo dal ponte di Chiavazza il piano asfaltature sulle strade della città. L’investimento sulla manutenzione ammonta a 1,8 milioni di euro a cui si sommano 500mila euro già accantonati e pronti per essere investiti, non appena sarà completato l’iter amministrativo dei progetti. Il ponte che collega le due sponde del(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Rifugio Coda, una storia lunga 70 anni

Rifugio Coda, una storia lunga 70 anni

ALTA VALLE ELVO - Il rifugio Coda  compie settant’anni. Era il 1947 infatti, quando,  l’edificio venne costruito a 2280 metri d’altitudine, posto a mo’ spartiacque tra la Valle del Lys e la Valle dell’Elvo.  Tutto iniziò nell’estate del 1945, quando la sezione di Biella  del Cai tentò non senza difficoltà di far(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

«Dimitri uno di famiglia, non potevamo pensare che avesse fatto male ad Erika...»

«Dimitri uno di famiglia, non potevamo pensare che avesse fatto male ad Erika...»

PRALUNGO -  «Abbiamo saputo, siamo rimasti sconvolti. Quand’è tornato dalla Sardegna, l’ho guardato negli occhi e gli ho chiesto se fosse stato lui a fare del male alla mia dolce nipote. Ma lui ha negato, mi ha abbracciato forte e ha negato...». A parlare è la nonna paterna di Erika Preti, 28 anni, la commessa uccisa con due precisi fendenti alla(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Roffino: «Cerco la strada giusta verso Tokio»

Roffino: «Cerco la strada giusta verso Tokio»

Le luci della ribalta del rinomato mezzofondo femminile biellese, nell’ultimo decennio tinto d’azzurro, in questo momento sono puntate su Valeria Roffino, 27enne, appena laureatasi campionessa italiana sulla distanza dei 5000 metri in pista, a sorpresa, perchè l’allieva di Clelia Zola veniva da due titoli consecutivi sui 3000 siepi. Erede della campionissima della(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top