Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 26 luglio 2017
Articolo di: venerdì, 19 maggio 2017, 9:52 m.

Rapina alla Biver: chieste condanne dai 4 ai 6 anni

Colpo da 150mila euro commesso a Caresanablot

Sono state chieste pene comprese tra i 4 e i 6 anni di reclusione per i presunti componenti della banda che, a giugno dell’anno scorso, mise a segno la rapina da 150mila euro alla filiale di Caresanablot della Biverbanca. Il processo, in corso a Vercelli e celebrato con rito abbreviato, ha visto la Pubblica accusa chiedere la pena più severa per il vercellese Roberto Martinotti, 57 anni, ex dipendente della banca che, in quel periodo, era direttore facente funzione. Secondo l’accusa, fu proprio lui, presente al momento della rapina, il basista del gruppo. Sei anni la condanna chiesta anche per Silvio Iadanza, 27 anni, di Benevento, personaggio noto alle cronache per la vicinanza ai clan della sua terra d’origine, indicato quale autore materiale della rapina messa a segno utilizzando un teaser (oggetto che emette potenti scariche elettriche) come arma.

Rischiano tra i quattro e cinque anni di reclusione, invece, gli altri componenti della banda, tra cui il biellese Franco Coppola, 46 anni, di Masserano, che avrebbe ricoperto il ruolo di staffetta e di intermediario della banda. Stessa pena richiesta per Pietro Zocco, 48 anni, di Vercelli, che era sulle auto-staffetta per il colpo, e per Salvatore Bettini, 35 anni, sempre di Vercelli, presunto ideatore della rapina.

Gli autori del colpo vennero individuati e arrestati ad agosto dalla polizia che analizzò diversi filmati di sistemi di videosorveglianza anche privati. L’operazione è stata chiamata “Au revoir” perchè così il rapinatore aveva salutato ironicamente il personale quel giorno.

V.Ca.

Articolo di: venerdì, 19 maggio 2017, 9:52 m.
YOUKATA'

Rapinato distributore a Ponderano

Rapinato distributore a Ponderano

L'ha spintonata con forza e l'ha minacciata. Poi le ha rubato la borsa con l'incasso delle slot machine, del bar e del distributore, in tutto circa 25mila euro in contanti. Brutta avventura ieri sera intorno alle 20 per la benzinaia di 30 anni che da circa un anno gestisce con il marito bar e distributore di carburante "Repsol" che si affaccia lungo il Maghettone, in territorio del comune(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Al via il rifacimento delle strisce

Al via il rifacimento delle strisce

BIELLA - «Abbiamo deciso di investire 250mila euro apposta, perché non fosse una toppa messa dove c'era più urgenza ma un intervento che andasse a risolvere sistematicamente il problema». Marco Cavicchioli è tra i più soddisfatti della partenza del piano di rifacimento della segnaletica orizzontale in città. Il primo intervento è stato(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Rifugio Coda, una storia lunga 70 anni

Rifugio Coda, una storia lunga 70 anni

ALTA VALLE ELVO - Il rifugio Coda  compie settant’anni. Era il 1947 infatti, quando,  l’edificio venne costruito a 2280 metri d’altitudine, posto a mo’ spartiacque tra la Valle del Lys e la Valle dell’Elvo.  Tutto iniziò nell’estate del 1945, quando la sezione di Biella  del Cai tentò non senza difficoltà di far(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Roffino: «Cerco la strada giusta verso Tokio»

Roffino: «Cerco la strada giusta verso Tokio»

Le luci della ribalta del rinomato mezzofondo femminile biellese, nell’ultimo decennio tinto d’azzurro, in questo momento sono puntate su Valeria Roffino, 27enne, appena laureatasi campionessa italiana sulla distanza dei 5000 metri in pista, a sorpresa, perchè l’allieva di Clelia Zola veniva da due titoli consecutivi sui 3000 siepi. Erede della campionissima della(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top