Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì e giovedì

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 19 febbraio 2018
Articolo di: venerdì, 19 maggio 2017, 9:52 m.

Rapina alla Biver: chieste condanne dai 4 ai 6 anni

Colpo da 150mila euro commesso a Caresanablot

Sono state chieste pene comprese tra i 4 e i 6 anni di reclusione per i presunti componenti della banda che, a giugno dell’anno scorso, mise a segno la rapina da 150mila euro alla filiale di Caresanablot della Biverbanca. Il processo, in corso a Vercelli e celebrato con rito abbreviato, ha visto la Pubblica accusa chiedere la pena più severa per il vercellese Roberto Martinotti, 57 anni, ex dipendente della banca che, in quel periodo, era direttore facente funzione. Secondo l’accusa, fu proprio lui, presente al momento della rapina, il basista del gruppo. Sei anni la condanna chiesta anche per Silvio Iadanza, 27 anni, di Benevento, personaggio noto alle cronache per la vicinanza ai clan della sua terra d’origine, indicato quale autore materiale della rapina messa a segno utilizzando un teaser (oggetto che emette potenti scariche elettriche) come arma.

Rischiano tra i quattro e cinque anni di reclusione, invece, gli altri componenti della banda, tra cui il biellese Franco Coppola, 46 anni, di Masserano, che avrebbe ricoperto il ruolo di staffetta e di intermediario della banda. Stessa pena richiesta per Pietro Zocco, 48 anni, di Vercelli, che era sulle auto-staffetta per il colpo, e per Salvatore Bettini, 35 anni, sempre di Vercelli, presunto ideatore della rapina.

Gli autori del colpo vennero individuati e arrestati ad agosto dalla polizia che analizzò diversi filmati di sistemi di videosorveglianza anche privati. L’operazione è stata chiamata “Au revoir” perchè così il rapinatore aveva salutato ironicamente il personale quel giorno.

V.Ca.

Articolo di: venerdì, 19 maggio 2017, 9:52 m.

Processato due volte per lo stesso reato

Processato due volte per lo stesso reato

Il reato di cui si era macchiato era senz’altro tra i più disonorevoli nell’immaginario collettivo, quello di atti persecutori, meglio noto come stalking. Non poteva però essere processato due volte per lo stesso reato. Il giudice, Paola Rava, ha alla fine accolto la tesi del difensore, avvocato Andrea Conz, e ha disposto nei confronti dell’imputato il non(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Fotoclub: in arrivo il corso da sette lezioni

Fotoclub: in arrivo il corso da sette lezioni

Giovedì 1° marzo  prenderà il via il 26° corso di Fotografia organizzato dal Fotoclub Biella e certificato FIAF, che si articolerà in 7 lezioni teoriche, 4 workshops e 2 due serate dedicate alla visualizzazione delle immagini acquisite.  Il corso proposto dal Fotoclub risulta sia un ottimo punto di partenza per affacciarsi sul mondo della fotografia(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Dopo il premio Attila, lavori al via a Vigliano

Dopo il premio Attila, lavori al via a Vigliano

VIGLIANO BIELLESE -  Sono iniziati i lavori per sistemare l’area lungo la via Milano dove il Comune ha deciso di togliere i pini marittimi, scatenando  la reazione di Legambiente  che ha assegnato al Comune il “Premio Attila”.  Radici invadenti. Gli alberi, nel tempo, con le loro radici avevano alterato notevolmente il sedime stradale, sollevandolo(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top