Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 17 dicembre 2017
Articolo di: venerdì, 06 ottobre 2017, 10:32 m.

Rifiutò l’intervento, medico legale nei guai

Il patologo rinviato a giudizio si difende: «Non era necessario»

Si era rifiutata di incamminarsi di notte in un bosco di Castelletto Cervo, il 31 ottobre dell’anno scorso, per riscontrare le cause della morte di un pensionato scomparso dopo che era uscito di casa per cercare funghi e trovato senza vita. Una decisione presa nonostante la richiesta telefonica del maresciallo di Mottalciata, competente delle indagini, nonché del magistrato di turno, il sostituto procuratore Elisa Calanducci. Accusato di omissione di atti d’ufficio in qualità di pubblico ufficiale, si è trovato un medico legale di Biella, Candelora Di Donato, 62 anni (difesa dall’avvocato Carlo Boggio Marzet), che mercoledì mattina è stata rinviata a giudizio dal giudice, Claudio Passerini, per l’udienza del 15 marzo del prossimo anno. Secondo il capo d’accusa, l’imputata avrebbe giustificato il suo rifiuto ad inoltrarsi nel bosco in quanto non avrebbe «operato in condizioni di sicurezza», «che non era necessario che lei prendesse visione dei luoghi in cui era stato ritrovato il cadavere perché non era una circostanza rilevante» e che «non riteneva opportuno intervenire sul posto vista l’asperità del territorio essendo stato rinvenuto il cadavere in zona boschiva».
Stando alla tesi difensiva, la morte del pensionato - sopraggiunta per infarto e quindi per cause naturali - era già stata riscontrata dal medico del “118” e non era quindi più necessario un ulteriore parere dell’imputata la quale, peraltro, si era resa disponibile ad occuparsi del cadavere già il mattino successivo in obitorio. Il medico non avrebbe ravvisato la necessità, di recarsi in loco, a quell’ora, anche per ragioni di sicurezza.
Valter Caneparo

Articolo di: venerdì, 06 ottobre 2017, 10:32 m.

La truffa del vino riesce ancora una volta

La truffa del vino riesce ancora una volta

BIELLA - E’ sempre lui, la descrizione corrisponde. Il truffatore delle bottiglie di vino che si fa pagare fior di quattrini per scatole vuote oppure bottiglie di acqua sporca o vino scadente, è un uomo sulla cinquantina o poco più, capelli scuri brizzolati, alto, di corporatura robusta e con l’accento piemontese. Non è una brava persona come potrebbe(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Il Biellese culturale è dinamico, ma privo di coordinamento

Il Biellese culturale è dinamico, ma privo di coordinamento

Alcuni appuntamenti culturali di questi ultimi giorni inducono a riflettere sullo stato dell’arte di una realtà, quella culturale biellese, che si presenta attiva, ma disomogenea e disorganica. La situazione odierna è senza dubbio dinamica e stimolante, ma ancora vistosamente penalizzata dall’assenza di un coordinamento strutturale e di una regia territoriale.(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

180 tonnellate di sale contro il ghiaccio

180 tonnellate di sale contro il ghiaccio

BIELLA - La neve e il gelo sono arrivati anche a Biella e provincia e l'Amministrazione comunale non si è fatta trovare impreparata.  Il piano è scattato in anticipo rispetto all'arrivo della perturbazione per pre-trattare le strade con il sale. Dalle prime ore del mattino di lunedì gli spargisale hanno continuato a percorrere la città, aiutati a partire(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Gli auguri sportivi alla Domus

Gli auguri sportivi alla Domus

SAGLIANO MICCA - Sarà, come tutti gli anni, una grande festa quella di domani pomeriggio alla Domus Laetitiae di Sagliano Micca, dove andrà in scena la tradizionale kermesse legata agli auguri sportivi. E gli organizzatori, anche quest’anno, sono riusciti a piazzare un vero e proprio colpo da maestri. Sarà infatti presente Giulia Quintavalle (nella foto),(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top