Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 17 dicembre 2017
Articolo di: venerdì, 01 dicembre 2017, 12:48 p.

"Sono stato intimidito dal magistrato"

Colpo di scena: spunta una registrazione del colloquio tra carabiniere e piemme

Colpo di scena. C’è una registrazione a supportare la pesante richiesta di risarcimento danni per decine di migliaia di euro allo Stato presentata dai legali dell’appuntato dei carabinieri Marco Casavere (gli avvocati Donatella Poggi e Alessandra Guarini) accusato ingiustamente di abuso d’ufficio e assolto con formula piena in due gradi di giudizio. «L’ho fatto per tutelarmi», ha spiegato lui (vedere intervista nella pagina accanto). La registrazione - riportata su Dvd-rom a cui è stata allegata una relazione tecnica correlata di certificazione di non manomissione - era stata eseguita nell’ufficio del piemme Ernesto Napolillo il 22 novembre 2012 dalle 15 e 30 alle 15 e 56 quando l’appuntato Casavere si era presentato per l’ennesima volta per meglio chiarire la sua posizione processuale. Secondo i legali dell’appuntato, «con fare intimidatorio e incalzante, il dottor Napolillo insisteva affinché l’appuntato Casavere diventasse più collaborativo, prospettando l’inevitabile iscrizione nel registro degli indagati per concorso in estorsione con l’altro indagato nel caso no avesse fornito sufficienti indicazioni sulle modalità con cui l’altro indagato si presentava nelle aziende».
Pesante il passaggio successivo: «L’insistenza del sostituto procuratore, si concretizzava in una chiara minaccia di grave danno, quando indicava all’appuntato la possibilità di scelta ta l’essere indagato per abuso d’ufficio o, in caso di mancata collaborazione con la Procura, quella più pesante di concorso in estorsione».

I passaggi. «... comunque sarà indagato, questo gliel’ho detto... come ho detto.. però una cosa è essere indagato per abuso d’ufficio che è un reato molto... insomma più... uhmmm ... circoscritto anche in termini di pena e presupposti e soprattutto difficile anche da dimostrare ... quindi è un reato sul quale si può difendere facilmente... altra cosa sul concorso in estorsione...». E’ questo uno dei passaggi più significativi della registrazione quando il sostituto procuratore Napolillo cerca di convincere l’appuntato prospettandogli la possibilità di essere indagato per un reato più grave o meno grave a seconda del suo grado di collaborazione.
Per poi proseguire: «... ogni contributo rientra nelle sue possibilità e rimangono aperti da accertare visto che è anche un carabiniere quindi rimane da accertare, da capire perché queste 50 euro l’ora (era la cifra che era stata pattuita per l’attività di formazione da svolgere in collaborazione con uno studio professionale di Cossato in cui era socio l’altro indagato. Casavere non avrebbe comunque mai intascato un euro, ndr) lei le prendeva perché se è così bravo per le lezioni e se è così per carità lo dica, lo confermi che è così oppure perché comunque indirettamente assecondava il d’Amato (il principale indagato, la cui posizione si è altrettanto sgonfiata) in qualche... (incomprensibile)».

La reazione. Secondo i legali di Casavere, il «tenore del colloquio è comprovato dalla registrazione audio effettuata dall’attore nell’occasione di luogo e di tempo sopra indicate». Da quel giorno, l’appuntato, ancora in forza all’Ispettorato del lavoro di Biella, era stato privato di ogni incarico e tale stato di inoccupazione forzata era proseguito fino al trasferimento attuato il 6 giugno 2013.
V.Ca.

Postato il giorno: venerdì, 01 dicembre 2017, 12:48 p.
Area Commenti
Lascia un commento

Caricamento in Corso... Caricamento in Corso...
Commenti
Numero commenti (0)

La truffa del vino riesce ancora una volta

La truffa del vino riesce ancora una volta

BIELLA - E’ sempre lui, la descrizione corrisponde. Il truffatore delle bottiglie di vino che si fa pagare fior di quattrini per scatole vuote oppure bottiglie di acqua sporca o vino scadente, è un uomo sulla cinquantina o poco più, capelli scuri brizzolati, alto, di corporatura robusta e con l’accento piemontese. Non è una brava persona come potrebbe(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Il Biellese culturale è dinamico, ma privo di coordinamento

Il Biellese culturale è dinamico, ma privo di coordinamento

Alcuni appuntamenti culturali di questi ultimi giorni inducono a riflettere sullo stato dell’arte di una realtà, quella culturale biellese, che si presenta attiva, ma disomogenea e disorganica. La situazione odierna è senza dubbio dinamica e stimolante, ma ancora vistosamente penalizzata dall’assenza di un coordinamento strutturale e di una regia territoriale.(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

180 tonnellate di sale contro il ghiaccio

180 tonnellate di sale contro il ghiaccio

BIELLA - La neve e il gelo sono arrivati anche a Biella e provincia e l'Amministrazione comunale non si è fatta trovare impreparata.  Il piano è scattato in anticipo rispetto all'arrivo della perturbazione per pre-trattare le strade con il sale. Dalle prime ore del mattino di lunedì gli spargisale hanno continuato a percorrere la città, aiutati a partire(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Gli auguri sportivi alla Domus

Gli auguri sportivi alla Domus

SAGLIANO MICCA - Sarà, come tutti gli anni, una grande festa quella di domani pomeriggio alla Domus Laetitiae di Sagliano Micca, dove andrà in scena la tradizionale kermesse legata agli auguri sportivi. E gli organizzatori, anche quest’anno, sono riusciti a piazzare un vero e proprio colpo da maestri. Sarà infatti presente Giulia Quintavalle (nella foto),(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top