Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì e giovedì

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 21 febbraio 2018
Articolo di: domenica, 19 marzo 2017, 8:59 m.

Strage alla sagra del pesce: «Confermate le condanne»

Per una bombola difettosa erano morte cinque persone e otto rimasero ferite

La Procura generale ha chiesto la conferma delle condanne inflitte in primo grado a Vercelli per la strage di San Germano Vercellese, dove il 26 giugno 2010 l’esplosione di una bombola di gas, durante la “Sagra del pesce e del cinghiale”, provocò la morte di cinque persone e il ferimento di altre sette. La sentenza è attesa per fine mese. Quella tragica esplosione, ha segnato il passo anche nel Biellese per quanto riguarda i controlli agli impianti, soprattutto quelli del gas, durante le feste di paese. Da quel giorno ottenere le autorizzazioni è diventato molto più complicato: le norme relative alla sicurezza vengono applicate e seguite alla lettera. In caso contrario il rischio di finire nei guai appare molto serio. L’udienza in Corte d’Appello a Torino si è tenuta l’altra mattina. A vario titolo le accuse sono di omicidio colposo, lesioni gravissime e falso. In primo grado, il giudice Marco Dovesi aveva condannato a 4 anni di reclusione il presidente della Pro loco, Maria Grazia Bonifacio (per lei il pubblico ministero, Pier Luigi Pianta, già giudice a Biella, aveva chiesto l’assoluzione. A Torino l’altro giorno il Piemme ha ribadito la richiesta di condanna), e suo marito, Giovanni Marchiori.Tre anni e 8 mesi sono andati al gestore del distributore di carburante di Santhià Enrico Pizzo, dov’era stata ricaricata la bombola difettosa che aveva provocato la fuga di gas e l’esplosione. I primi tre imputati erano accusati di omicidio colposo e lesioni gravissime.Condanna a 2 anni e 2 mesi per il vigile urbano Tiziano Sacchetto che doveva rispondere di falso per aver modificato, dopo la strage, i documenti di autorizzazione della festa.Quel giorno, poche ore prima dell’apertura della sagra, una fuga di gpl da una bombola portò alla saturazione della struttura dove i volontari della Pro loco stavano preparando i piatti da servire la sera. ll contatto con una fiamma provocò l’esplosione che costò la vita a Gian Carla Govoni, Rosangela Rosso, Maria Luisa Piccoli, Lina Bazzano e Tiziano Bertoncello. Otto i feriti gravi, tra i quali lo stesso Marchiori. Nel corso dell’inchiesta, è stato appurato che la bombola dalla quale uscì il gpl che provocò lo scoppio, aveva una lesione microscopica dovuta a un riempimento abusivo e non controllato effettuato da Marchiori che si era rivolto a Pizzo, il quale non aveva però l’autorizzazione per effettuare quel tipo di operazioni. Il vigile Sacchetto era finito nei guai in quanto, mentre tutti erano impegnati nei soccorsi ai feriti e nella messa in sicurezza dell’area della sagra, il “civich” - secondo quanto avevano accertato gli inquirenti - aveva modificato al computer del Comune le autorizzazioni rilasciate per la manifestazione.V.Ca.

Articolo di: domenica, 19 marzo 2017, 8:59 m.

Brucia rifiuti nel salotto di casa rischiando di dare fuoco all' intero palazzo

Brucia rifiuti nel salotto di casa rischiando di dare fuoco all' intero palazzo

Ha rischiato di dar fuoco all'intero palazzo - un condominio di strada Regione Croce, a Chiavazza, nel quale vivono una ventina di famiglie - bruciando rifiuti nel salotto di casa. E quando sono arrivati Vigili del fuoco e Polizia si è rifiutato di aprire loro la porta di casa. Per questi motivi Christian Bazzeato, 43 anni, di Biella, è stato arrestato. L'uomo, che è(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Pista di atletica aperta la sera e nei fine settimana

Pista di atletica aperta la sera e nei fine settimana

BIELLA - Saranno Unione Giovane Biella, Bugella Sport e Biella Running, tre dei club che frequentano più assiduamente lo stadio La Marmora-Pozzo, a tenere aperte le porte della pista di atletica più a lungo rispetto agli orari attuali, compresi i fine settimana. Lo stabilisce una convenzione che la giunta ha approvato nella seduta di lunedì 19 febbraio e che(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Dopo il premio Attila, lavori al via a Vigliano

Dopo il premio Attila, lavori al via a Vigliano

VIGLIANO BIELLESE -  Sono iniziati i lavori per sistemare l’area lungo la via Milano dove il Comune ha deciso di togliere i pini marittimi, scatenando  la reazione di Legambiente  che ha assegnato al Comune il “Premio Attila”.  Radici invadenti. Gli alberi, nel tempo, con le loro radici avevano alterato notevolmente il sedime stradale, sollevandolo(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Edilnol Rugby, contro il Lecco vittoria di misura

Edilnol Rugby, contro il Lecco vittoria di misura

BASKET SERIE A2 OVEST - Niente da fare, Siena resta un campo tabù. L’Eurotrend si fa maltrattare (90-75), non dando mai l’impressione di poter impensierire i toscani. Nel finale arriva anche l’espulsione di Ferguson a causa di un doppio fallo tecnico. Deluso coach Michele Carrea: "Prestazione poco seria". Biella resta seconda. RUGBY SERIE B - Quel che certo,(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top