Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 26 maggio 2017
Articolo di: domenica, 19 marzo 2017, 8:59 m.

Strage alla sagra del pesce: «Confermate le condanne»

Per una bombola difettosa erano morte cinque persone e otto rimasero ferite

La Procura generale ha chiesto la conferma delle condanne inflitte in primo grado a Vercelli per la strage di San Germano Vercellese, dove il 26 giugno 2010 l’esplosione di una bombola di gas, durante la “Sagra del pesce e del cinghiale”, provocò la morte di cinque persone e il ferimento di altre sette. La sentenza è attesa per fine mese. Quella tragica esplosione, ha segnato il passo anche nel Biellese per quanto riguarda i controlli agli impianti, soprattutto quelli del gas, durante le feste di paese. Da quel giorno ottenere le autorizzazioni è diventato molto più complicato: le norme relative alla sicurezza vengono applicate e seguite alla lettera. In caso contrario il rischio di finire nei guai appare molto serio. L’udienza in Corte d’Appello a Torino si è tenuta l’altra mattina. A vario titolo le accuse sono di omicidio colposo, lesioni gravissime e falso. In primo grado, il giudice Marco Dovesi aveva condannato a 4 anni di reclusione il presidente della Pro loco, Maria Grazia Bonifacio (per lei il pubblico ministero, Pier Luigi Pianta, già giudice a Biella, aveva chiesto l’assoluzione. A Torino l’altro giorno il Piemme ha ribadito la richiesta di condanna), e suo marito, Giovanni Marchiori.Tre anni e 8 mesi sono andati al gestore del distributore di carburante di Santhià Enrico Pizzo, dov’era stata ricaricata la bombola difettosa che aveva provocato la fuga di gas e l’esplosione. I primi tre imputati erano accusati di omicidio colposo e lesioni gravissime.Condanna a 2 anni e 2 mesi per il vigile urbano Tiziano Sacchetto che doveva rispondere di falso per aver modificato, dopo la strage, i documenti di autorizzazione della festa.Quel giorno, poche ore prima dell’apertura della sagra, una fuga di gpl da una bombola portò alla saturazione della struttura dove i volontari della Pro loco stavano preparando i piatti da servire la sera. ll contatto con una fiamma provocò l’esplosione che costò la vita a Gian Carla Govoni, Rosangela Rosso, Maria Luisa Piccoli, Lina Bazzano e Tiziano Bertoncello. Otto i feriti gravi, tra i quali lo stesso Marchiori. Nel corso dell’inchiesta, è stato appurato che la bombola dalla quale uscì il gpl che provocò lo scoppio, aveva una lesione microscopica dovuta a un riempimento abusivo e non controllato effettuato da Marchiori che si era rivolto a Pizzo, il quale non aveva però l’autorizzazione per effettuare quel tipo di operazioni. Il vigile Sacchetto era finito nei guai in quanto, mentre tutti erano impegnati nei soccorsi ai feriti e nella messa in sicurezza dell’area della sagra, il “civich” - secondo quanto avevano accertato gli inquirenti - aveva modificato al computer del Comune le autorizzazioni rilasciate per la manifestazione.V.Ca.

Articolo di: domenica, 19 marzo 2017, 8:59 m.
YOUKATA'

La casa di riposo di Andorno Micca resta senz’acqua

La casa di riposo di Andorno Micca resta senz’acqua

ANDORNO MICCA - Sono dovuti intervenire i Vigili del fuoco, lunedì mattina e persino ieri nel primo pomeriggio, ad Andorno Micca, per portare l’acqua, grazie alle autocisterne, alla casa di riposo del paese, rimasta all’asciutto dalle prime ore di entrambe le giornate.  E’ scattato subito l’allarme, con la richiesta di intervento inoltrata al sindaco(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

La sicurezza “spacca” il Consiglio comunale

La sicurezza “spacca” il Consiglio comunale

BIELLA - Un consiglio comunale, quello di martedì scorso, che non proponeva grossi temi di scontro, tanto che sia la delibera sulla rinegoziazione dei mutui, sia quella dell’affidamento a Enerbit di tremila punti luce per la sostituzione delle lampade con i led, sono passate anche con i voti della minoranza. I problemi sono invece nati dalle mozioni. In particolare quella(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Un aiuto dai migranti per riaprire il rifugio

Un aiuto dai migranti per riaprire il rifugio

COGGIOLA - Il rifugio Monte Barone all’alpe Ponasca, amatissimo punto di ritrovo per gli amanti della montagna, valsesserini e non solo, si prepara a riaprire le sue porte. E lo fa con una grande novità: il nuovo look che i lavori di miglioramento funzionale e strutturale promossi dal Cai Valsessera, titolare dei locali, gli hanno conferito. Un inverno di lavori, ed ecco ora(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Giro d'Italia nel Biellese, in 200mila a tifare in strada

Giro d'Italia nel Biellese, in 200mila a tifare in strada

BIELLA - Duecentomila persone tra Biella e Valdengo per le due tappe del Giro d’Italia che ha visto la nostra provincia protagonista. Duecentomila animi pulsanti che hanno incendiato una delle più belle tappe sino ad ora corse in questo Giro del centenario (quella con arrivo a Oropa) e che poi hanno voluto salutare la carovana rosa a Valdengo. Una vetrina straordinaria per il nostro(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top