Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 26 maggio 2017
Articolo di: venerdì, 21 aprile 2017, 12:35 p.

Vitello denutrito, ucciso

Ora il proprietario, un uomo di 56 anni, rischia la denuncia

Quel vitello ammalato non gli serviva più, così lo ha abbandonato in una stalla e lo ha lasciato morire. E’ successo a Pralungo. I residenti della zona hanno chiamato i carabinieri. Il vitellino, ormai in fin di vita, è stato abbattuto. Il proprietario, un allevatore di 56 anni residente in paese, verrà probabilmente denunciato. Rischia l’accusa di maltrattamento di animali, reato punibile con la reclusione da tre a diciotto mesi o con la multa da 5mila a 30mila euro. «Casi del genere - spiega Luca Sala (nella foto), direttore del servizio di sanità pubblica veterinaria e del dipartimento di prevenzione dell’Asl Bi - fortunatamente sono  rari».A portare alla luce quell’orribile episodio  sono stati i carabinieri, allertati da un residente della zona. Quando i militari hanno raggiunto la cascina indicata, in regione Bose, e hanno visto quel vitellino, hanno faticato a credere ai propri occhi: era molto sofferente, in condizioni igieniche e di salute disperate. Stava morendo. E’ stato fatto intervenire il veterinario Asl reperibile che, dopo aver visitato l’animale ha  ordinato venisse ucciso. Le condizioni del vitello erano gravissime, tenerlo in vita significava solo esporlo a una sofferenza atroce. «Non posso entrare nel merito di quanto accaduto - spiega dall’Asl Bi Luca Sala - si paventano per il proprietario del vitello uno o più reati. Oggi (mercoledì per chi legge) l’animale verrà inviato all’istituto zooprofilattico sperimentale di Torino per accertare i motivi per i quali era in condizioni tanto debilitate».Casi simili sono, per fortuna, molto rari: «Per un allevatore gli animali sono fonte di reddito. La loro morte è un danno molto grave. Proprio poiché rappresentano un capitale, è nel loro interesse far sì che le bestie siano in buone condizioni di salute e di produttività. Il servizio veterinario Asl effettua periodici controlli, per verificare che gli animali vengano tenuti in buone condizioni di salute».Sh.C.

Articolo di: venerdì, 21 aprile 2017, 12:35 p.
YOUKATA'

La casa di riposo di Andorno Micca resta senz’acqua

La casa di riposo di Andorno Micca resta senz’acqua

ANDORNO MICCA - Sono dovuti intervenire i Vigili del fuoco, lunedì mattina e persino ieri nel primo pomeriggio, ad Andorno Micca, per portare l’acqua, grazie alle autocisterne, alla casa di riposo del paese, rimasta all’asciutto dalle prime ore di entrambe le giornate.  E’ scattato subito l’allarme, con la richiesta di intervento inoltrata al sindaco(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

La sicurezza “spacca” il Consiglio comunale

La sicurezza “spacca” il Consiglio comunale

BIELLA - Un consiglio comunale, quello di martedì scorso, che non proponeva grossi temi di scontro, tanto che sia la delibera sulla rinegoziazione dei mutui, sia quella dell’affidamento a Enerbit di tremila punti luce per la sostituzione delle lampade con i led, sono passate anche con i voti della minoranza. I problemi sono invece nati dalle mozioni. In particolare quella(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Un aiuto dai migranti per riaprire il rifugio

Un aiuto dai migranti per riaprire il rifugio

COGGIOLA - Il rifugio Monte Barone all’alpe Ponasca, amatissimo punto di ritrovo per gli amanti della montagna, valsesserini e non solo, si prepara a riaprire le sue porte. E lo fa con una grande novità: il nuovo look che i lavori di miglioramento funzionale e strutturale promossi dal Cai Valsessera, titolare dei locali, gli hanno conferito. Un inverno di lavori, ed ecco ora(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Giro d'Italia nel Biellese, in 200mila a tifare in strada

Giro d'Italia nel Biellese, in 200mila a tifare in strada

BIELLA - Duecentomila persone tra Biella e Valdengo per le due tappe del Giro d’Italia che ha visto la nostra provincia protagonista. Duecentomila animi pulsanti che hanno incendiato una delle più belle tappe sino ad ora corse in questo Giro del centenario (quella con arrivo a Oropa) e che poi hanno voluto salutare la carovana rosa a Valdengo. Una vetrina straordinaria per il nostro(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top