Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì e giovedì

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 19 febbraio 2018
Articolo di: venerdì, 21 aprile 2017, 12:35 p.

Vitello denutrito, ucciso

Ora il proprietario, un uomo di 56 anni, rischia la denuncia

Quel vitello ammalato non gli serviva più, così lo ha abbandonato in una stalla e lo ha lasciato morire. E’ successo a Pralungo. I residenti della zona hanno chiamato i carabinieri. Il vitellino, ormai in fin di vita, è stato abbattuto. Il proprietario, un allevatore di 56 anni residente in paese, verrà probabilmente denunciato. Rischia l’accusa di maltrattamento di animali, reato punibile con la reclusione da tre a diciotto mesi o con la multa da 5mila a 30mila euro. «Casi del genere - spiega Luca Sala (nella foto), direttore del servizio di sanità pubblica veterinaria e del dipartimento di prevenzione dell’Asl Bi - fortunatamente sono  rari».A portare alla luce quell’orribile episodio  sono stati i carabinieri, allertati da un residente della zona. Quando i militari hanno raggiunto la cascina indicata, in regione Bose, e hanno visto quel vitellino, hanno faticato a credere ai propri occhi: era molto sofferente, in condizioni igieniche e di salute disperate. Stava morendo. E’ stato fatto intervenire il veterinario Asl reperibile che, dopo aver visitato l’animale ha  ordinato venisse ucciso. Le condizioni del vitello erano gravissime, tenerlo in vita significava solo esporlo a una sofferenza atroce. «Non posso entrare nel merito di quanto accaduto - spiega dall’Asl Bi Luca Sala - si paventano per il proprietario del vitello uno o più reati. Oggi (mercoledì per chi legge) l’animale verrà inviato all’istituto zooprofilattico sperimentale di Torino per accertare i motivi per i quali era in condizioni tanto debilitate».Casi simili sono, per fortuna, molto rari: «Per un allevatore gli animali sono fonte di reddito. La loro morte è un danno molto grave. Proprio poiché rappresentano un capitale, è nel loro interesse far sì che le bestie siano in buone condizioni di salute e di produttività. Il servizio veterinario Asl effettua periodici controlli, per verificare che gli animali vengano tenuti in buone condizioni di salute».Sh.C.

Articolo di: venerdì, 21 aprile 2017, 12:35 p.

Processato due volte per lo stesso reato

Processato due volte per lo stesso reato

Il reato di cui si era macchiato era senz’altro tra i più disonorevoli nell’immaginario collettivo, quello di atti persecutori, meglio noto come stalking. Non poteva però essere processato due volte per lo stesso reato. Il giudice, Paola Rava, ha alla fine accolto la tesi del difensore, avvocato Andrea Conz, e ha disposto nei confronti dell’imputato il non(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Fotoclub: in arrivo il corso da sette lezioni

Fotoclub: in arrivo il corso da sette lezioni

Giovedì 1° marzo  prenderà il via il 26° corso di Fotografia organizzato dal Fotoclub Biella e certificato FIAF, che si articolerà in 7 lezioni teoriche, 4 workshops e 2 due serate dedicate alla visualizzazione delle immagini acquisite.  Il corso proposto dal Fotoclub risulta sia un ottimo punto di partenza per affacciarsi sul mondo della fotografia(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

Dopo il premio Attila, lavori al via a Vigliano

Dopo il premio Attila, lavori al via a Vigliano

VIGLIANO BIELLESE -  Sono iniziati i lavori per sistemare l’area lungo la via Milano dove il Comune ha deciso di togliere i pini marittimi, scatenando  la reazione di Legambiente  che ha assegnato al Comune il “Premio Attila”.  Radici invadenti. Gli alberi, nel tempo, con le loro radici avevano alterato notevolmente il sedime stradale, sollevandolo(...)

continua »

Altre notizie di questa categoria »

 
 
^ Top