Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 22 settembre 2017

Zegna festeggia vent’anni di presenza in Russia

| Economia MOSCA - In occasione del ventesimo anniversario di Ermenegildo Zegna in Russia, giovedì sera, il Gruppo ha ospitato un evento nella Sala Esposizioni del New Manege di Mosca. Al centro dei festeggiamenti, la sfilata della collezione di debutto del direttore Artistico Alessandro Sartori e un’eccezionale performance del duo synthpop britannico Hurts . Nell’occasione, il duo synthpop britannico Hurts, composto da Adam Anderson e Theo Hutchcraft hanno indossato total look Ermenegildo Zegna Couture. Inoltre, Alessandro Sartori ha disegnato un guardaroba esclusivo Ermenegildo Zegna Couture per il loro prossimo tour mondiale. Ermenegildo Zegna è stato uno dei primi brand del lusso a penetrare il mercato russo, aprendo il suo primo negozio nella capitale in Tretyakovsky Proezd nel 1997. Da allora il brand è riuscito a soddisfare le esigenze sartoriali della clientela più esigente proponendo capi di qualità superiore, creando così una solida rete retail nelle principali città della Russia. Oggi sono molte le boutique Zegna presenti sul territorio della Federazione Russa e il brand continua a rafforzare la sua presenza attraverso investimenti mirati e strategie espansive. In contemporanea alle celebrazioni dell’anniversario, il brand ha svelato il rinnovato Ermenegildo Zegna Global Store in Tretyakovsky Proezd. Ampliato di recente, il Global Store, realizzato su concept Peter Marino, è stato progettato per creare un viaggio virtuale attraverso il mondo Zegna, per svelare la storia e il Dna dell’azienda attraverso l’intera gamma delle sue collezioni d’abbigliamento maschile.  Sopra, in foto, Alessandro Sartori e il Ceo del Gruppo, Gildo Zegna, con Adam Anderson e Theo Hutchcraft. Giovanni Orso

Migranti al lavoro sui beni pubblici

| Generale COSSATO - Ha preso il via, nei giorni scorsi, una nuova iniziativa per cercare di insegnare ai migranti come lavorare, come usare gli attrezzi, ed a rispettare l’orario di lavoro. Questo in base ad un accordo, stipulato tra i Comuni di Cossato, Valle Mosso Lessona e la cooperativa “Il filo da tessere”. «In questi primi giorni, i 15 richiedenti asilo che hanno aderito al progetto - spiega il vicesindaco di Cossato Enrico Moggio - dopo aver effettuato dei lavori di pulizia e manutenzione lungo alcune strade di Lessona e Valle Mosso, sono ora al lavoro presso l’asilo nido comunale di Lorazzo Baretto».  «Nei giorni scorsi - fa rilevare il tutor Valerio Peruccio - sono state tinteggiate delle aule della scuola primaria di Parlamento.  Lunedì, tutti insieme, i ragazzi hanno proceduto a ripulire il bosco comunale ed il vicino campo di calcio. Oggi (martedì, ndr), alcuni di loro, invece, taglieranno dedicheranno le siepi esterne ed interne del nido, mentre degli altri tinteggeranno il cancello d’ingresso, i pali delle reti metalliche, sia interne che esterne. Non saranno trascurate anche le diverse ringhiere in legno, che ci sono attorno all’edificio». Nei due giorni seguenti, cioè mercoledì, e giovedì, i richiedenti asilo, seguiti dal loro tutor, hanno pulito i giardini pubblici del centro: si occuperanno del verde ed anche delle panchine. La prossima settimana, invece, si trasferiranno a Villa Berlanghino, dove li aspettano un’altra serie di lavori nell’ampio ed accogliente parco circostante. Altri migranti, come si ricorderà, stanno già lavorando negli “orti solidali’’ o fanno del volontariato nel canile di via Castelletto Cervo, a Cossato. F.G.

Nel weekend la 5° Valli Biellesi-Trofeo Oasi Zegna

| Sport Il gruppo Ermenegildo Zegna, dopo il successo delle scorse edizioni, ha confermato anche quest'anno il suo supporto al 5° Valli Biellesi-Trofeo Oasi Zegna, organizzato da BMT Eventi e Veglio 4x4, che si svolgerà sabato 23 e domenica 24 settembre. Lo scopo della manifestazione è far conoscere un territorio naturale e straordinario, anche agli amanti delle auto d’epoca. Un pubblico amante della qualità e dell’eleganza delle auto del passato ed animato da uno spirito agnostico improntato sul rispetto delle regole e della sportività. La manifestazione evidenzia anche l’interesse che il Gruppo Zegna hanno sempre avuto per il mondo delle automobili.  Dalla fornitura dei famosi tessuti in pura lana Zegna per le auto Lancia degli anni 50’ e 60’ a quelli in pura seta oggi forniti dal lanificio a tutti i modelli più recenti della Maserati. Il Valli Biellesi-Trofeo Oasi Zegna ha visto, nel corso degli anni, consolidare la propria posizione all’interno della vasta proposta di gare per auto d’epoca. Oltre alla collaudata gara di regolarità turistica, da quest’anno la manifestazione è entrata a far parte del Campionato Italiano Regolarità Auto Storiche, e vedrà la speciale partecipazione di alcuni top driver nazionali della specialità. Ospite d’eccezione sarà quest’anno Miki Biasion, pilota di fama internazionale e due volte campione del mondo rally.  Sono quasi 150 gli equipaggi che prenderanno il via alla manifestazione, su percorso della lunghezza di 334 km, che si snoda in modo particolare nei territori dell’Oasi Zegna ma che tocca, più in generale le province di Biella, Torino e Vercelli, passando per paesi e punti panoramici di particolare bellezza. Anche quest’anno verrà assegnato il trofeo challenge “Riflessi Biellesi”, conferito al miglior classificato nella somma dei risultati raggiunti al Valli Biellesi-Trofeo Oasi Zegna e al Trofeo Tollegno 1900, altra significativa ed importante iniziativa in favore del territorio biellese per gli appassionati della regolarità motoristica, svoltasi nel maggio 2017.  Per il pubblico interessato a seguire la gara, questi i passaggi e tempi di percorrenza della prima vettura in gara: sabato 23 The Place ore 11.00 (partenza) - Candelo ore 12.00 – Centro Commerciale “Gli Orsi” ore 12,30 - Biella Piazzo ore 13.00 - Viverone ore 15.00 - Sala Biellese ore 16.20 - Valdengo ore 17.00 - Lessona ore 17.30 - Trivero Centro Zegna ore 19.00. Domenica 24: Biella Piazza Martiri della Libertà ore 8.30 (partenza) - Mongrando ore 9.00 - Bossola ore 9.30 - Oropa ore 10.20 - Burcina ore 10.50 - Bielmonte ore 13.00 - Biella Piazza Martiri della Libertà ore 14.00 (arrivo).

«Dopo 45 anni da sordo, ora ci sento»

| Generale COSSATO - «Sono nato sordo 45 anni fa e, soltanto da meno di tre mesi, non lo sono più e sento di essere nato una seconda volta!». Sono le toccanti parole di  Cristiano Rozzino, 45 anni, che abita a Cossato. «Mio figlio - spiega la mamma Ferruccia Magarotto - era nato con una grave sordità. Quando aveva un anno, ce ne siamo accorti e sono iniziate le visite e gli accertamenti diagnostici. Pensi che quando mio figlio è riuscito a pronunciare  la prima parola aveva quattro anni e mezzo, in quanto non sentiva nulla». Cristiano è stato in cura da logopedisti di Vercelli e di Torino. In seguito, anche a Padova, Torino, Milano e all’estero. Cristiano lavora dall’età di 17 anni come fabbro serramentista. La svolta decisiva è stata il 7 luglio scorso: dopo un anno di attesa è stato operato dai professori Roberto Albera ed Andrea Canale, all’ospedale Molinette di Torino. «Mi hanno operato all’orecchio sinistro - racconta - all’interno del quale mi hanno inserito 22 elettrodi ed un elettromagnete, più un impianto cocleare all’esterno, che ha dato ottimi risultati. L’intervento è durato quattro ore; nei primi due, dei quattro giorni di ricovero, ho provato tanto dolore, ma è stato, secondo me, un intervento nella norma. Dopo soltanto  tre settimane, il 28 luglio, l’impianto è stato attivato ed ora ci sento benissimo. Devo, ovviamente, effettuare delle visite periodiche, che vengono effettuate, con grande professionalità, da Carlotta Montuschi. Sono molto grato a lei ed ai due professori che mi hanno operato ed alla loro équipe: grazie a loro sono veramente rinato!».  Franco Graziola

Alpini biellesi in festa per San Maurizio

| Generale BIELLA - Fine settimana importante per gli alpini di Biella che festeggiano il loro patrono, San Maurizio. Rispetto agli anni scorsi ci sono quest’anno due proposte organizzative importanti e una novità di assoluto rilievo. Il momento solenne è stato anticipato dalla domenica al tardo pomeriggio del sabato. La corsa podistica del venerdì sera (12° trofeo San Maurizio, partenza ore 20) avrà un percorso nuovo e illuminato da torri faro. Inoltre il sabato vedrà una novità associativa assoluta. La consegna di un berretto agli Amici degli alpini. Secondo le recenti disposizioni e le modifiche ai regolamenti dell’Associazione, i soci aggregati i quali, per avere particolarmente collaborato in attività diverse, hanno dimostrato fattiva condivisione dei valori alpini, assumono, con delibera del Consiglio sezionale dell’Ana, la definizione di “Amici degli alpini”. In tale posizione hanno diritto di sfilare alle adunate e ai raduni con la propria Sezione e di portare un nuovo copricapo speciale con relativo fregio. Insomma, una novità importante per le penne nere, che aprono la porta anche a chi non ha svolto il servizio militare nel corpo degli alpini. E.P.

Escursionista muore sul Mars

| Cronaca Una donna di 67 anni è deceduta questa mattina sulle pendici del Monte Mars (2600 m.) in Provincia di Biella, lungo lo spartiacque che divide il Piemonte dalla Valle d'Aosta, a una quota di 2300 metri circa. L'escursionista valdostana, residente a Saint Christophe (AO) stava procedendo in salita lungo il sentiero quando è precipitata lungo pendii molto ripidi composti da prati con sassi affioranti per circa 200 metri di dislivello. I suoi compagni di gita insieme ad altre persone che si trovavano sul luogo sono riusciti a chiamare i soccorsi dapprima con un telefono satellitare con cui la comunicazione non era chiara, successivamente spostandosi in un punto con rete, dove hanno contattato il  112 valdostano che ha mobilitato il  Soccorso alpino e speleologico che ha inviato sul posto l'eliambulanza del 118 decollata dalla base di Borgosesia. Dall'elicottero sono stati calati coi verricelli sul luogo dell'incidente il tecnico di elisoccorso e il medico che hanno potuto soltanto constatare il decesso della donna a causa dei traumi riportati nella caduta. In seguito all'autorizzazione del magistrato, la salma è stata recuperata e consegnata ai Carabinieri di Biella che hanno proceduto con le operazioni di riconoscimento.

A Biella al via la bonifica dell’area di via Torino

| Biella Città BIELLA - E’ partito ormai da qualche giorno il cantiere per la bonifica dell’area di via Torino, nei pressi della rotonda con piazza Adua, che prima ospitava un distributore di carburante. L’intervento servirà per rimuovere le cisterne interrate che prima erano a servizio delle varie pompe di benzina e diesel dell’attività di erogazione. «Si tratta - sottolinea il vicesindaco Diego Presa - di un intervento complesso che necessita di importanti precauzioni per arrivare alla bonifica dell’area che prima ospitava un impianto di erogazione di carburanti». L’area interessata è particolarmente visibile e i commercianti della zona, soprattutto quelli di via Roma, auspicano che, a cantiere ultimato, si possa procedere alla realizzazione di un parcheggio ad uso pubblico. «L’area - aggiunge Presa - è sottoposta a diversi vincoli da piano regolatore. I privati credo che, una volta concluso l’intervento, vogliano procedere alla vendita della stessa. Al momento non abbiamo dunque notizie su ciò che potrà essere realizzato in quel luogo. Sappiamo solo che ci sono vincoli da piano regolatore che dovranno essere rispettati». L’ipotesi di creare comunque parcheggi a servizio della zona rimane una delle ipotesi in campo. «Ci auguriamo che vengono messi a disposizione della collettività - conclude Presa -. Con i proprietari c’è sempre stato un buon rapporto, tanto che con gli oneri di urbanizzazione avevano provveduto alla sistemazione del parco delle Rovere e alla realizzazione del campetto da basket». Enzo Panelli

Compra un’Audi on-line, è una truffa

| Cronaca Ha acquistato un’auto, una bellissima Audi A3 usata, sul sito internet subito.it, l’ha pagata, ma non l’ha mai ricevuta. Vittima del raggiro è un biellese di 22 anni, che si è rivolto alla Polizia. Dopo una breve indagine, gli agenti della Questura di Biella sono riusciti a risalire ai venditori: Carlo C., 53 anni e Anna C., 27 anni, entrambi residenti a Reggio Emilia. L’uomo, in Emilia Romagna e più in generale su internet, è conosciuto per essere un vero e proprio “re delle truffe”. Vende auto, per lo più on line: prende i soldi e non le consegna mai. Sia lui, sia la sua complice, una giovane che prima d’ora non aveva mai avuto alcun problema con la giustizia, sono stati denunciati. Dovranno rispondere dell’accusa di truffa in concorso.Shama Ciocchetti
Facebook: Eco di Biella
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
^ Top
"POPUP"