Eco di Biella

Eco di Biella

Eco di Biella - L'Informazione è Indipendente!
Fondato nel 1947 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 01 ottobre 2016

L'Abi invita tutti a Palazzo

| Appuntamenti Il primo sabato di ottobre le porte dei palazzi storici delle banche italiane si aprono su tutto il territorio nazionale. È la quindicesima edizione di “Invito a Palazzo”, la manifestazione promossa dall’Abi (Associazione Bancaria Italiana) che ogni anno, per un’intera giornata, mette in mostra opere d’arte e capolavori conservati nelle sedi storiche delle banche e delle Fondazioni di origine bancaria coordinate dall’Acri. Per il secondo anno la manifestazione vede anche la partecipazione della Banca d’Italia. L’iniziativa si inserisce nell’ambito degli interventi promossi dal mondo bancario per valorizzare il patrimonio artistico nazionale e a sostegno della cultura quale motore di sviluppo per il Paese.L’appuntamento con cittadini, appassionati e turisti è dunque per oggi, sabato 1° ottobre.Alla manifestazione di quest’anno partecipano 96 palazzi, tra cui la sede centrale della Banca d’Italia a Roma (Palazzo Koch), 42 banche e 23 Fondazioni di origine bancaria in 55 città in tutta Italia.Molte le novità di questa quindicesima edizione: 10 i palazzi storici “in mostra” per la prima volta. Tra questi, Palazzo Gromo Losa del Piazzo, la cui apertura porta la città di Biella a partecipare per la prima volta alla manifestazione: l’elegante dimora signorile, il cui nucleo originario risale al XIV secolo, nel 2004 è stata acquisita dalla Fondazione Crb che l’ha completamente restaurata, mantenendone la vocazione culturale.In Piemonte, saranno 9 in tutto (compreso il palazzo biellese) le sedi storiche che oggi, dalle 10 alle 19, sempre con ingresso gratuito, saranno aperte al pubblico. Ad Asti apriranno le porte il Palazzo della Cassa di Risparmio, in piazza Libertà 23 (Cassa di Risparmio di Asti), e Palazzo Mazzetti, in corso Alfieri 357 (Cassa di Risparmio di Asti). A Torino si potranno visitare: Palazzo Bricherasio, in via Lagrange 20, sede e direzione generale di Banca Patrimoni Sella & C. del Gruppo Banca Sella; Palazzo Perrone, in via XX Settembre 31 (ingresso da via Alfieri 7; Fondazione Crt); il Grattacielo Intesa Sanpaolo, in corso Inghilterra 3; il Museo del Risparmio, in via San Francesco d’Assisi 8/A (Intesa Sanpaolo); Palazzo Turinetti, in piazza San Carlo 156 (Intesa Sanpaolo); sede UniManagement, in via XX Settembre 29 (Unicredit). Info e dettagli su www.palazzi.abi.it.L.B. Scopri tutti gli eventi del weekend sull'Eco di Biella di sabato 1 ottobre 2016

L’Opificiodellarte è in festa

| Appuntamenti BIELLA - L’Opificiodellarte si fa Ambasciata. La realtà creativa cittadina compie 10 anni e prepara una festa nel segno del Terzo Paradiso, in collaborazione con Cittadellarte. Festa che animerà la città oggi, sabato 1° ottobre, e domani, domenica 2 ottobre. La “due giorni” calda di festa sarà inaugurata da un convegno, questa mattina, così organizzato: alle 9.30, accoglienza e registrazione dei partecipanti; alle 10, presentazione dell’evento e saluto delle autorità; alle 10.20, introduzione al tema “Opificiodellarte, dalle macerie ad oggi, le progettualità e le iniziative portate avanti nel corso degli anni, prospettive e sviluppi futuri”. Quindi, dalle 11, seconda sessione di approfondimento “Arte ed Educazione Emotiva” con Michelangelo Pistoletto (in foto) chiaramente, creatore del Terzo Paradiso, e con lui: Pietro Petraroia, tra le altre cose, vice-presidente di “Italia Nostra”, componente del comitato scientifico della Galleria degli Uffizi e componente della commissione costituita dal Mibact; Silvano Antonelli, attore, regista, fondatore e direttore artistico di “Stilema Teatro”; Graziano Melano della Fondazione “Teatro Ragazzi”, che contribuisce alla crescita culturale di ragazzi e giovani e al superamento del disagio giovanile attraverso progetti culturali, e Valentina Tibaldi della Fondazione “Piemonte dal vivo”. Non solo confronto, ma anche spettacolo. Il decennale di Opificiodellarte si declinerà nel segno dei laboratori di teatro, danza, musica e arte applicata dedicati ai bambini, a cura dell’Opificio e di Arcipelago Patatrac, Art’è Danza e Cittadellarte. Oggi sono previsti: “La voce delle emozioni”; “L’energia delle emozioni”; il laboratorio di musica “Il ritmo delle emozioni”; il laboratorio di manualità “L’emozione del Terzo Paradiso”, che non si terrà in sede ma nella nuova Biblioteca Civica di Biella. I laboratori si svolgeranno in simultanea nelle fasce orarie: 16 - 16.45; 16.50 - 17.40 e 17.45 - 18.30.Non solo, stasera il tutto confluirà nella performance pubblica delle 18.45, in Piazza del Duomo per l’evento “Emozioni nell’aria…”, dove si costruirà, assieme a coloro che hanno partecipato ai laboratori, il “Terzo Paradiso dei Bambini”. Giornata finale domani, domenica. Il primo appuntamento è alle 11, con un concerto-aperitivo accompagnato dai brani interpretati degli allievi di musica e canto. Alle 16, andrà in scena lo spettacolo “In bocca al Lupo”, che aprirà le porte del magico mondo di “C’era una Volta”. Alle 21, si alzerà il sipario sullo spettacolo di danza degli allievi di Art’e. Un mix di stili, dal classico all’hip hop. Ingresso gratuito. Giovanna Boglietti

Furbetti del cartellino, lunedì la commissione disciplinare

| Biella Città BIELLA - Quella di ieri in Comune è stata una giornata che definirla movimentata è davvero poco. Riunioni su riunioni per cercare di capire come muoversi dopo la caterva di denunce per diversi dipendenti di Palazzo Pella. L’assessore al personale, Fulvia Zago, segue da vicino l’evolversi della situazione e spiega: «Abbiamo richiesto tutti gli atti alla Procura della Repubblica. Da una prima analisi bisogna distinguere le varie posizioni. Alcune crediamo che si possano risolvere senza gravi ripercussioni sui dipendenti. Nei casi più gravi saremo invece rigorosi. Abbiamo fiducia nella magistratura». Zago annuncia un primo procedimento che verrà messo in campo nella giornata di lunedì. «Si riunirà la commissione disciplinare - sottolinea - e la prima cosa che faremo sarà quella di firmare l’atto di sospensione dal lavoro per le otto persone colpite  dalla misura cautelare personale del “divieto di dimora nel Comune di Biella”. Poi analizzeremo la nuova normativa che è molto più stringente rispetto a quella passata». Normativa che, dopo gli eclatanti casi che si erano verificati in giro per l’Italia, mette a disposizione delle amministrazioni pubbliche nuovi strumenti decisionali. Basta infatti la flagranza o una prova fotografica o video per far scattare i procedimenti per il licenziamento. Zago è conscia che lavorare in un ambiente colpito da una notizia come questa è complesso. «L’invito che faccio alla cittadinanza che si approccia con i nostri uffici - dice - è quella di garantire l’onorabilità dei tanti dipendenti comunali onesti. Già da quando si era sparsa la voce di questa indagine qualcuno aveva fatto battute poco piacevoli. Il mio invito, lo ripeto, è garantire l’onorabilità dei lavoratori». Ieri a Palazzo Pella il clima non era certamente disteso. «La preoccupazione in questi casi - conclude Zago - è il sentimento che si respira maggiormente». E.P.

Operaio muore durante il turno di notte

| Cronaca Sono ancora tutte da chiarire le cause che hanno provocato la morte di uno dei dipendenti della Sasil spa di via Del Dosso, a Brusnengo. A perdere la vita è stato un uomo di 56 anni residente in paese. Era il responsabile del turno di notte. A lanciare l’allarme, intorno alle 2, sono stati i colleghi, che non lo hanno visto rientrare dal consueto giro d’ispezione. Sono andati a cercarlo e lo hanno trovato riverso a terra, nel fango, in un cunicolo che porta ai depuratori. In via Del Dosso sono giunti carabinieri, Vigili del fuoco e personale del 118, oltre ai funzionari dello Spresal, il servizio che si occupa degli infortuni sul lavoro. Ogni tentativo di rianimare l’uomo si è rivelato del tutto inutile: era già morto. La salma è stata affidata al magistrato che ne ordinerà l’autopsia. In considerazione del tipo di lavorazioni che vengono effettuate all’interno dell’azienda, che utilizza solventi, tutti i soccorritori sono stati portati in ospedale per precauzione. Per ora non si hanno comunque notizie di eventuali contaminazioni.

“Furbetti del cartellino”, parla il sindaco

| Cronaca BIELLA - «Apprendo da fonti giudiziarie che l’indagine sui dipendenti comunali è arrivata sulla scrivania del giudice per le indagini preliminari, che ha firmato alcuni provvedimenti cautelari. Ribadisco fiducia e sostegno a inquirenti e magistrati, con cui abbiamo collaborato fin dai primi momenti di questa inchiesta, ricordando però che nessuno è colpevole fino a sentenza definitiva e che la Costituzione ci impone il massimo garantismo a tutela di tutte le persone coinvolte»: sono le parole del sindaco Marco Cavicchioli, alla notizia dei primi esiti dell’indagine che ha portato alle accuse di peculato per 33 dipendenti municipali. «Ribadisco pari fiducia e sostegno ai dipendenti comunali che lavorano con impegno e coscienza, e che per fortuna sono sicuramente la maggioranza».L’indagine era partita nei mesi scorsi quando l’amministrazione comunale stessa consegnò alla Procura i primi esiti di un’inchiesta interna su presunte violazioni e assenze ingiustificate. «Inchieste come questa sono la prima tutela di chi ha sempre lavorato seriamente» sottolinea il sindaco. «Se e quando le accuse venissero confermate, sarà un dovere nei confronti loro e dei cittadini prendere i necessari provvedimenti disciplinari».

"Furbetti del cartellino" in Comune: 33 avvisi di garanzia e 8 sospensioni dal lavoro

| Cronaca
Facebook: Eco di Biella
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Più letti nella settimana
Cronaca | 20-09-2016 | (letto 403 volte)
^ Top
"POPUP"